for women loving








===========

for women loving Click Here! for women loving

===================











===========

for women loving Click Here! for women loving

===================












===========

for women loving Click Here! for women loving

===================













===========

for women loving Click Here! for women loving

===================






onelink





===========

for women loving Click Here! for women loving

===================











anche tu mi resisti... eppure, tu hai perso tutto: hai perso ogni sovranità, come ogni schiavo goyms, ma,
gli islamici sono da compiangere, più di tutti, perché si consolano con l'ottenere, momentaneamente, i loro sottoschiavi dhimmis,
allora, perché si dovrebbero sottomettere a me i padroni del mondo, se tu, che, tu non hai più nulla da perdere, non lo fai?


poiché i poteri sono esoterici e soprannaturali, ecco perché, soltanto chi si sottomette ad un Re può rimanere un uomo libero:
ecco perché, i farisei per predare e schiavizzare il mondo hanno ucciso tutti i RE ed hanno disattivato le monarchie

ma se con/attraverso il sionismo, noi non recuperiano la Patria e la sovranità per gli ebrei,
come pensi di poteri riuscire tu: con la tua?
prima a loro e poi a te!

il problema per gli ebrei di avere un Re cattolico come me,
è lo stesso di ammettere di avere ucciso il vero messia!

tu concepisci il concetto: "noi contro loro"
tu non conosci le categorie della fratellanza universale..
#uniusREI #Governor


perché pensi che sia indispensabile avere un nemico comunque?

io non posso giudicare gli uomini che sono morti e che già sono caduti sotto il giudizio di Dio, ma, posso giudicare te!
ed io non dico che gli ebrei sono buoni..
dico soltanto noi diamo loro una Patria e poi, li possiamo giudicare,
ma, gli islamici opponendosi a questo progetto sono già caduti sotto un giudizio di condanna insieme a te!



io sono il decalogo vivente, io sono la fratellanza universale, infatti io sono Unius REI

io non sono io, che io ho bisogno di fare il Re,
io sono già Re,
sei tu che hai bisogno di un Re per non morire in spirituale e temporale

so che è inquietante: ma Mattarella sembra il portaborse di Soros, il lavapiatti dei Bilderberg,
il giardiniere di rothschild

certo, lui non sembra il Presidente del popolo italiano



===========

for women loving Click Here! for women loving

===================





☦️burn satana ☦️shariah ☦️Allah ☦️owl ☦️Marduch burn JaBullOn Baal SpA: burn in Jesus's name, alleluia!
Allah la cagna di Satana drink your poison made by yourself, ☦️ in Jesus's name! amen ☦️alleluia! ☦️





===========

for women loving Click Here! for women loving

===================










===========

for women loving Click Here! for women loving

===================













===========

for women loving Click Here! for women loving

===================












===========

for women loving Click Here! for women loving

===================














===========

for women loving Click Here! for women loving

===================





===========

for women loving Click Here! for women loving

===================






Click Here!



Krav Maga disponibile online @UniusRei

Krav Maga disponibile online @UniusRei
I am UNIVERSAL metaphysical POLITICAL MINISTRY Kingdom ISRAEL. Nega il DEBITO! ANY EVIL SpA 666 SHARIA born from FMI NWO 322 Bilderberg 187audioHosem


IBAN: IT55H0760104000001016405753

bisogna passare al SIMEC, nega il DEBITO!
I saw, God bless, good work


vero Nazismo è la grande Finanza Internazionale, la quale si serve di Pd UE BCE per distruggere ogni forma di Democrazia e Welfare. Globalizzazione, Austerità e Neoliberismo sono un cancro per l'umanità. ma, noi italiani abbiamo la grande responsabilità da mostrare al mondo
=================
===================
=========================

Il più completo​ ed efficace sistema di apprendimento del Krav Maga disponibile online

6 Moduli di apprendimento, 41 video capitoli scaricabili (MP4 ad alta definizione), aggiornamenti illimitati e molto di più...


Giacomo Cerri

Maestro di Krav Maga 3° Dan USACLI, Maestro CSEN Ju Jitsu Metodo Israeliano, cintura nera di Qwan Ki Do e direttore tecnico del programma Krav Maga Efficace

Non importa se sei già un praticante di Krav Maga, un marzialista esperto, un appartenente alle forze dell'ordine, o un completo principiante della difesa personale... Il programma Krav Maga Efficace ti insegnerà un'impressionante quantità di tecniche di difesa personale pratiche e facili da applicare in una situazione di pericolo reale. Le tue possibilità di difendere te stesso (o te stessa) e i tuoi cari, in caso di aggressione, aumenteranno notevolmente grazie a questo innovativo sistema di addestramento multimediale.

================

Krav Maga






Click Here!

===================



QUESTA NON È UN TESTATA GIORNALISTICA perché: FARISEI massoni e SALAFITI sono LIBERI & INDIPENDENTI. quando i FARISEI SPA FED spararono a John F. Kennedy: JFK e Lincoln?
loro allora divennero: "liberi e indipendenti!" è il celebre discorso di John Fitzgerald Kennedy del 1961, disse: "Signore e signori, la parola "segretezza" è ripugnante in una società libera e ...
fiduciosi che con il vostro aiuto l'uomo diventerà ciò per cui è nato: libero e indipendente "
ma, come tutti sanno John F. Kennedy: JFK fu ucciso a causo del suo ordine esecutivo 11110.
=============
È LOGICO ALLORA PENSARE CHE ANCHE DONALD TRUMP verrà sparato! quando i FARISEI SPA FED spararono a: John F. Kennedy: JFK e Lincoln? loro allora divennero: "liberi e indipendenti! ..
È LOGICO ALLORA PENSARE CHE ANCHE DONALD TRUMP verrà sparato!
============
============





http://voxnews.info/home/aggiungi-vox-al-tuo-sito/







===========

for women loving Click Here! for women loving

===================












Krav Maga Click Here!


Krav Maga Read on to find out what the world’s most deadly terrorists and hardened criminals don’t want you to know about KRAV MAGA
and saving your life…

Krav Maga Click Here!


WARNING! Don’t Even Think About Spending Another Dime On A Self-Defense Product Or Martial Arts Class Until You Read This!

Krav Maga Click Here!


If you want to discover unbeatable,
life-saving self-defense skills,
develop razor-sharp reflexes,
and get in “better than boot camp” shape,
Krav Maga Click Here!

then read this letter to the very end…
Krav Maga Click Here!





===========

for women loving Click Here! for women loving

===================



Translate

Cerca nel blog

Emma Bonino come Riina

egistrazione lorenzoscarola@gmail.com
Il vostro account it.sputniknews.com è stato sospeso.
Potete richiedere il ripristino scrivendo a moderator.it@sputniknews.com.
sono perseguitato dal moderatore di sputniknews soltanto perché sono un cristiano che sostiene Israele!
è il sesto account che mi brucia.. ed io non so più che fare! questa volta ho soltanto rigorosamente risposto agli articoli e qualche parola era scritta con le lettere maiscole!
https://it.sputniknews.com/docs/about/feedback.html
Messaggio Inviato
======================
SE I SERVI DI SATANA SONO COGLIONI? IO NON SONO RESPONSABILE!

Sent with ProtonMail Secure Email.
oggetto: quali regole ho violato in Sputniknews?
non c'é un oggetto calunnioso da parte della S.V. o un motivo per il blocco del mio account da parte della S.V!
non mi è stata data: una Spiegazione delle azioni che hanno violato le suddette regole ed hanno portato al blocco dell'account.
Il messaggio deve contenere i seguenti parametri:
Oggetto del messaggio: Ripristino dell'account/sblocco dell'accesso
Nome Utente KING the LEVIATHAN
Spiegazione delle azioni che hanno violato le suddette regole ed hanno portato al blocco dell'account.
Messaggio Inviato   https://it.sputniknews.com/docs/about/feedback.html
Qualora i moderatori ritengano sia possibile ripristinare l'account o sbloccare l'accesso, questo verrà eseguito.
In caso di ripetute violazioni delle suddette regole l'account dell'utente verrà bloccato per la seconda volta, senza possibilità di venire ripristinato.
Per contattare i moderatori scrivere a moderator.it@sputniknews.com.

King ISRAEL & PALESTiNE
kingdom JHWH holy
lorenzoALLAH Mahdì
lorenzoJHWH Messiah

La pietra angolare UNIUS REI.
oggi sono stato in Chiesa per ottenere una parola da Dio!
non lo faccio spesso, perché non voglio mancare di FEDE..
Dio mi ha risposto con la lettura del martirio del diacono Stefano
in cui si vede tutta la malvagità ed il satanismo dei Enlightened Farisei massoni comunisti islamici ecc.. e la malignità: il male malefico che possiede tutti i nemici di Gesù Cristo, che sono i predestinati alla DISTRUZIONE!
===============
[11:23, 19/11/2017] UNIUS REI: Poveri noi e povero popolo italiano
Oggi giorno fa sempre piu notte... Ora avrò bisogno di rifare il certificato APE
 Che Ing. Cucco****  mi truffo 250euro.. e. che fidandomi di lui gli ho restituito IL DOCUMENTO PURE.
Ed in Puglia non esiste un registro APE.
[13:34, 20/11/2017]  FRANCESCO: Purtroppo l'amico e ingegnere che seguiva le mie pratiche questa estate è venuto a mancare a causa di un incidente avuto con un bastardo che viaggiava anche senza assicurazione altrimenti ti avrei affidato a lui.
[16:27, 20/11/2017] UNIUS REI: Abbiamo pregato per il tuo amico.
Spero sia in carcere chi lo ha ucciso
[16:29, 20/11/2017] FRANCESCO: Purtroppo la legge italiana è lentissima ma 2 bambini piccoli ORA crescono senza un padre

=================

 The Lord Who Sanctifies You: Adonai Mekoddishkem (יְהוָ֖ה  מְקַדִּשְׁכֶֽ)
“Then the Lord said to Moses, ‘Say to the Israelites, You must observe my Sabbaths.  This will be a sign between me and you for the generations to come, so you may know that I am the LORD, who makes you holy [YHVH Mekoddishkem].”  (Exodus 31:13)
This particular name of God occurs twice in Scripture—once in Exodus 31:13 and once in Leviticus 20:8.
Mekoddishkem is derived from the Hebrew word kadosh (קדש), which means to sanctify, dedicate, consecrate, set apart or make holy.
It’s apparent from these passages that God has consecrated His people and set them apart as holy (kadosh).
God does not just demand that we be holy; He Himself is holy.  Without that holiness, His awesome power would be cruel.
And just as God is holy (1 Samuel 2:2), His people are to be holy, as well.
“But just as He who called you is holy, so be holy in all you do; for it is written: 'Be holy [kadosh], because I am holy [kadosh].’”(1 Peter 1:15-16; Leviticus 19:2)
Jewish men worship God at the Western (Wailing) Wall in Jerusalem.  The
side curls on the young Orthodox Jewish man are called payot, an
interpretation of the Bible's injunction not to shave the corners of the head.
LorenzoJHWH, Bless the LORD and His Holy Name
*******
Il Signore che ti santifica: Adonai Mekoddishkem (יְהוָ֖ה מְקַדִּשְׁכֶֽ)
"Allora il Signore disse a Mosè: 'Dì agli israeliti, devi osservare i miei sabati. Questo sarà un segno tra me e te per le generazioni future, affinché tu possa sapere che io sono il Signore, che ti rende santo [YHVH Mekoddishkem]. "(Esodo 31:13)
Questo particolare nome di Dio ricorre due volte nella Scrittura - una volta in Esodo 31:13 e una volta in Levitico 20: 8.
Mekoddishkem deriva dalla parola ebraica kadosh (קדש), che significa santificare, dedicare, consacrare, mettere a parte o santificare.
È evidente da questi passaggi che Dio ha consacrato il suo popolo e li ha messi a parte come santi (kadosh).
Dio non richiede semplicemente che noi siamo santi; Lui stesso è santo. Senza quella santità, il suo fantastico potere sarebbe crudele.
E proprio come Dio è santo (1 Samuele 2: 2), anche il suo popolo deve essere santo.
"Ma come Colui che ti ha chiamato è santo, così sii santo in tutto ciò che fai; poiché è scritto: "Sii santo [kadosh], perché io sono santo [kadosh]". "(1 Pietro 1: 15-16; Levitico 19: 2)
Gli uomini ebrei adorano Dio al Muro Occidentale (Wailing) di Gerusalemme. Il
i riccioli laterali sul giovane ebreo ortodosso sono chiamati payot, un
interpretazione dell'ingiunzione della Bibbia di non radere gli angoli della testa.
Lorenzo JHWH, Benedici il Signore e il Suo Santo Nome
*******

with a Holy Gift that will last for Eternity,  Click here
We are to be set apart for His purposes.
The Tanakh (Hebrew Scriptures) reveals that people (of the covenant), places (Jerusalem, Temple Mount), things (anointing oil, Temple articles, and furnishings), and even a nation (Israel) were consecrated or set apart because they came in contact with the Holy God.
In the Brit Chadashah (New Covenant), both Jews and non-Jews are sanctified through the blood of Yeshua (Jesus).  As a set apart people who have a personal relationship with God, we are to look and behave differently.
This should be evidenced in every aspect of our lives: the clothes we choose to wear, the way we speak to one another, the music we listen to, and the movies we watch.  But sanctification is not just an outward act; it’s an inward work of the Holy Spirit (Ruach HaKodesh).
“God the Father knew you long ago and chose you to live holy lives with the Spirit's help so that you are obedient to Yeshua HaMashiach and are sprinkled with His blood.  May good will and peace fill your lives!”  (1 Peter 1:2)
Adonai Mekoddishkem desires that we be kadosh as He is kadosh, but for that to happen, we must willingly participate in His divine nature.  Out of His holiness, He will not force holiness upon us.
But neither do we have to become holy through our own strength. 
Through this name of God, we understand that it is He who makes us holy.
Today, because of Muslim control of the Temple Mount, the
Kotel (Wailing Wall) is considered the holiest place accessible
to the Jewish People.
*******

con un regalo sacro che durerà per l'eternità, clicca qui
Dobbiamo essere messi a parte per i suoi scopi.
Il Tanakh (Scritture Ebraiche) rivela che le persone (dell'alleanza), i luoghi (Gerusalemme, il Monte del Tempio), le cose (unzione di olio, articoli del tempio e arredi), e persino una nazione (Israele) furono consacrati o messi a parte perché venivano in contatto con il Santo Dio.
Nel Brit Chadashah (Nuova Alleanza), sia ebrei che non ebrei sono santificati attraverso il sangue di Yeshua (Gesù). A parte le persone che hanno una relazione personale con Dio, dobbiamo guardare e comportarci diversamente.
Questo dovrebbe essere evidenziato in ogni aspetto della nostra vita: i vestiti che scegliamo di indossare, il modo in cui ci parliamo, la musica che ascoltiamo e i film che guardiamo.
Ma la santificazione non è solo un atto esteriore; è un lavoro interiore dello Spirito Santo (Ruach HaKodesh).
"Dio Padre ti ha conosciuto molto tempo fa e ti ha scelto per vivere una vita santa con l'aiuto dello Spirito, così tu sei obbediente a Yeshua HaMashiach e sei cosparso del Suo sangue. Possa la buona volontà e la pace riempire le vostre vite! "(1 Pietro 1: 2)
Adonai Mekoddishkem desidera che noi siamo kadosh come Lui è kadosh, ma affinché ciò accada, dobbiamo partecipare volontariamente alla Sua natura divina. Dalla sua santità, non imporrà la santità su di noi.
Ma nemmeno dobbiamo diventare santi attraverso le nostre forze.
Attraverso questo nome di Dio, comprendiamo che è Lui a renderci santi.
Oggi, a causa del controllo musulmano del Monte del Tempio, il
Kotel (Wailing Wall) è considerato il luogo più sacro accessibile
al popolo ebreo.
==================

Jealous God: El Kanna (אֵ֥ל  קַנָּ֖א)
“Do not worship any other god, for the Lord, whose name is Jealous, is a Jealous God [El Kanna].”  (Exodus 34:14)
Because God is kadosh (holy) and has set apart His People to be kadosh, He is jealous for His People.
The concept of jealousy in our culture is often associated with selfishness, distrust, and hostility.
Some even mistake jealousy and envy as one and the same thing; however, they are not identical.
Jealousy concerns a perceived challenge to one’s position.  In other words, you think someone is trying to take your position as husband, wife, friend or employee, and you want to prevent that from happening.
Envy is more malevolent.  It often involves covetousness, and an “if I can’t have it, you can’t either” attitude.
God’s jealousy, in contrast to envy is rooted in justice, holiness and love.
It is a healthy, passionate, burning devotion for us and an insistence that He will not share His position, praise, or glory with another (Psalm 83:18). 
“I will not give my glory to another or my praise to idols.”  (Isaiah 42:8)
Marriage is reflective of the type of relationship that God desires to have with us: intimate and exclusive.
Marriage is reflective of the type of relationship that God desires to have
with us: intimate and exclusive.

Dio geloso: El Kanna (אֵ֥ל קַנָּ֖א)
"Non adorare nessun altro dio, perché il Signore, il cui nome è Geloso, è un Dio geloso [El Kanna]." (Esodo 34:14)
Poiché Dio è kadosh (santo) e ha messo a parte il Suo popolo per essere kadosh, è geloso per il suo popolo.
Il concetto di gelosia nella nostra cultura è spesso associato all'egoismo, alla sfiducia e all'ostilità.
Alcuni addirittura confondono la gelosia e l'invidia come un'unica cosa; tuttavia, non sono identici.
La gelosia riguarda una sfida percepita alla propria posizione. In altre parole, pensi che qualcuno stia cercando di prendere la tua posizione come marito, moglie, amico o impiegato e vuoi impedire che ciò accada.
L'invidia è più malevola. Spesso coinvolge la cupidigia, e un "se non posso averlo, non puoi neanche" l'atteggiamento.
La gelosia di Dio, in contrasto con l'invidia, è radicata nella giustizia, nella santità e nell'amore.
È una devozione sana, appassionata, ardente per noi e un'insistenza che non condivida la sua posizione, la sua lode o la sua gloria con un'altra (Salmo 83:18).
"Non darò la mia gloria a un altro o la mia lode agli idoli". (Isaia 42: 8)
Il matrimonio riflette il tipo di relazione che Dio desidera avere con noi: intimo ed esclusivo.
Il matrimonio riflette il tipo di relazione che Dio desidera avere
con noi: intimo ed esclusivo.
===========================

God desires an exclusive love relationship with His people; He does not want to share our love and attention with idols and other false gods (Exodus 20:3).
That is why Deuteronomy 6:5 is the most important prayer and declaration in Judaism:
“Love the Lord your God with all your heart and with all your soul and with all your strength.”
Yeshua confirmed this when He was asked what the greatest commandment is.
“He answered, ‘Love the Lord your God with all your heart and with all your soul and with all your strength and with all your mind; and, Love your neighbor as yourself.’”  (Luke 10:27)
With all the distractions of this world pulling at us from every side, we may need to examine our hearts from time to time to see if our love has grown cold or if there is anything (or anyone) who has drawn the focus of our devotion away from the living God who is also known as El Kanna — The Jealous God.
There are so many Jewish people here in Israel and around the world who do not yet know the Lord God of Israel by His Names or His Son’s Name Yeshua (Jesus).
Together, we can change that.
"Behold, I am doing a new thing; now it springs forth, do you not perceive it?
I will make a way in the wilderness and rivers in the desert."  (Isaiah 43:19)
The Holy City of Jerusalem
"Blessed be His glorious name forever; and may the whole earth be filled with His glory.  Amen, and Amen."  (Psalm 72:19)
Shalom LorenzoJHWH,
Inherent in the names of our Almighty God is not only His holiness but also His holy expectations for His People.
For instance, what does it really mean that He is jealous for us?
Here we will uncover that answer and understand a little more about His holy nature through two of His names:  The Lord Who Santifies You and our Jealous God.
Jewish woman reading a siddur (prayer boo
For Help with Making a DONATION, Please go to our Contact Page.
Financial Partners, please CLICK on the following link:   http://free.messianicbible.com/contact/
(If the link does not work, please copy and paste it in your browser.)
Financial Partners, we value your support and we will respond to you as quickly as possible.
Dio desidera un rapporto d'amore esclusivo con il suo popolo; Non vuole condividere il nostro amore e la nostra attenzione con idoli e altri falsi dei (Esodo 20: 3).
Ecco perché il Deuteronomio 6: 5 è la preghiera e la dichiarazione più importanti nel giudaismo:
"Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima e con tutte le tue forze."
Yeshua lo confermò quando gli fu chiesto quale fosse il più grande comandamento.
"Rispose: 'Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima e con tutta la tua forza e con tutta la tua mente; e, ama il tuo prossimo come te stesso ". (Luca 10:27)
Con tutte le distrazioni di questo mondo che ci attirano da ogni parte, potremmo aver bisogno di esaminare i nostri cuori di tanto in tanto per vedere se il nostro amore è diventato freddo o se c'è qualcosa (o qualcuno) che ha attirato l'attenzione della nostra devozione lontano dal Dio vivente che è anche conosciuto come El Kanna - Il Dio geloso.
Ci sono così tanti ebrei qui in Israele e in tutto il mondo che non conoscono ancora il Signore Dio di Israele con i suoi nomi o il nome di suo figlio Yeshua (Gesù).
Insieme, possiamo cambiarlo.
"Ecco, sto facendo una cosa nuova, ora scaturisce, non la percepisci? Farò strada nel deserto e nei fiumi nel deserto". (Isaia 43:19)
La città santa di Gerusalemme
"Sia benedetto il suo nome glorioso per sempre, e che tutta la terra sia ripiena della sua gloria. Amen e Amen". (Salmo 72:19)
Shalom LorenzoJHWH,
Inerente nei nomi del nostro Dio onnipotente non è solo la sua santità, ma anche le sue sante aspettative per il suo popolo.
Per esempio, cosa significa veramente che è geloso per noi?
Qui scopriremo quella risposta e capiremo un po 'di più sulla sua santa natura attraverso due dei suoi nomi: il Signore che ti santifica e il nostro Dio geloso.
Donna ebrea che legge un siddur (preghiera boo
Per aiuto con fare una DONAZIONE, per favore vai alla nostra pagina dei contatti.
Partner finanziari, per favore clicca sul seguente link: http://free.messianicbible.com/contact/
(Se il collegamento non funziona, copialo e incollalo nel tuo browser.)
Partner finanziari, apprezziamo il vostro supporto e vi risponderemo il più rapidamente possibile.

il gestore di sputniknews mi ha cacciato di nuovo! la RUSSIOFOBIA secondo il politico socialdemocratico (Spd), il problema è nell'ignoranza. "Quando il discorso riguarda la Russia, manca la competenza", si è lamentato il politico. Secondo lui, l'Occidente non conosce affatto l'Est e non ha intenzione di fare nulla per cambiare questa situazione: nel curriculum dei politici ci sono Stati Uniti e Gran Bretagna, mentre la conoscenza della Russia non offre nessuna prospettiva di carriera. "Tutto quello che fa la Russia è per definizione sbagliato", ha osservato, aggiungendo che le relazioni russo-tedesche sono diventate un "ammasso di detriti".
SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
COSE che non VI RACCONTANO di CHARLES DARWIN - Enzo Pennetta il NEOLIBERISMO USUROCRATICO e TECNOCRATICO del REGIME MONDIALISTA GENDER la società liquida della spersonalizzazione e materializzazione, la distruzione di Dio e la distruzione dell'uomo!
SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
EUGENETICA, Satanismo e DARWINISMO: l'uomo è una bestia, un animale e quindi diventa un oggetto nelle mani del capitalista!
SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
Dio desidera un rapporto d'amore esclusivo con il suo popolo; Non vuole condividere il nostro amore e la nostra attenzione con idoli e altri falsi dei (Esodo 20: 3). Ecco perché il Deuteronomio 6: 5 è la preghiera e la dichiarazione più importanti nel giudaismo: "Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima e con tutte le tue forze." Yeshua lo confermò quando gli fu chiesto quale fosse il più grande comandamento. "Rispose: 'Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima e con tutta la tua forza e con tutta la tua mente; e, ama il tuo prossimo come te stesso ". (Luca 10:27) Con tutte le distrazioni di questo mondo che ci attirano da ogni parte, potremmo aver bisogno di esaminare i nostri cuori di tanto in tanto per vedere se il nostro amore è diventato freddo o se c'è qualcosa (o qualcuno) che ha attirato l'attenzione della nostra devozione lontano dal Dio vivente che è anche conosciuto come El Kanna - Il Dio geloso. Ci sono così tanti ebrei qui in Israele e in tutto il mondo che non conoscono ancora il Signore Dio di Israele con i suoi nomi o il nome di suo figlio Yeshua (Gesù). Insieme, possiamo cambiarlo. "Ecco, sto facendo una cosa nuova, ora scaturisce, non la percepisci? Farò strada nel deserto e nei fiumi nel deserto". (Isaia 43:19) La città santa di Gerusalemme "Sia benedetto il suo nome glorioso per sempre, e che tutta la terra sia ripiena della sua gloria. Amen e Amen". (Salmo 72:19) Shalom LorenzoJHWH, Inerente nei nomi del nostro Dio onnipotente non è solo la sua santità, ma anche le sue sante aspettative per il suo popolo. Per esempio, cosa significa veramente che è geloso per noi? Qui scopriremo quella risposta e capiremo un po 'di più sulla sua santa natura attraverso due dei suoi nomi: il Signore che ti santifica e il nostro Dio geloso. Donna ebrea che legge un siddur (preghiera boo Per aiuto con fare una DONAZIONE, per favore vai alla nostra pagina dei contatti. Partner finanziari, per favore clicca sul seguente link: http://free.messianicbible.com/contact/ (Se il collegamento non funziona, copialo e incollalo nel tuo browser.) Partner finanziari, apprezziamo il vostro supporto e vi risponderemo il più rapidamente possibile.
SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
God desires an exclusive love relationship with His people; He does not want to share our love and attention with idols and other false gods (Exodus 20:3). That is why Deuteronomy 6:5 is the most important prayer and declaration in Judaism: “Love the Lord your God with all your heart and with all your soul and with all your strength.” Yeshua confirmed this when He was asked what the greatest commandment is. “He answered, ‘Love the Lord your God with all your heart and with all your soul and with all your strength and with all your mind; and, Love your neighbor as yourself.’” (Luke 10:27) With all the distractions of this world pulling at us from every side, we may need to examine our hearts from time to time to see if our love has grown cold or if there is anything (or anyone) who has drawn the focus of our devotion away from the living God who is also known as El Kanna — The Jealous God. There are so many Jewish people here in Israel and around the world who do not yet know the Lord God of Israel by His Names or His Son’s Name Yeshua (Jesus). Together, we can change that. "Behold, I am doing a new thing; now it springs forth, do you not perceive it? I will make a way in the wilderness and rivers in the desert." (Isaiah 43:19) The Holy City of Jerusalem "Blessed be His glorious name forever; and may the whole earth be filled with His glory. Amen, and Amen." (Psalm 72:19) Shalom LorenzoJHWH, Inherent in the names of our Almighty God is not only His holiness but also His holy expectations for His People. For instance, what does it really mean that He is jealous for us? Here we will uncover that answer and understand a little more about His holy nature through two of His names: The Lord Who Santifies You and our Jealous God. Jewish woman reading a siddur (prayer boo For Help with Making a DONATION, Please go to our Contact Page. Financial Partners, please CLICK on the following link: http://free.messianicbible.com/contact/ (If the link does not work, please copy and paste it in your browser.) Financial Partners, we value your support and we will respond to you as quickly as possible.
SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
nessuno dubita del DOGMA Satanismo evoluzionismo ma, nessuno pensa che Darwin abbia ragione! Quindi si passa a mistificare la truffa del darwinismo... COSE CHE NON VI RACCONTANO DI CHARLES DARWIN - Enzo Pennetta
 

Emma Bonino come Riina?

peggio molto peggio! a porsi questa scomoda domanda, cioè se le vittime di Mafia meritino maggiore attenzione di quelle dell’aborto, è un prete bolognese, don Francesci Pieri, che dopo il gran circo mediatico che ha accompagnato la morte di Riina ha scritto un post molto tagliente: Emma Bonino verrà spappolata all'INFERNO LEI CON I SUOI MILIONI DI DONNE e UOMINI: le bestie di Satana!

==========================
  1. Giulia Michelini: «Mio figlio mi ha salvato la vita»

  2. Sting stupisce tutti con un canto dedicato alla Madonna (VIDEO)

  3. Guardate cosa succede a questo sacerdote che scende in strada ad adorare il Santissimo Sacramento… (VIDEO)

  4. Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco come sarà l’aldilà e cosa si fa”

  5. Dopo Provenzano anche Totò Riina dovrà subire l’unico vero Giudizio. Quello di Dio.



COSE CHE NON VI RACCONTANO DI CHARLES DARWIN - Enzo Pennetta
=============

naturalmente Stato lenone e biscazziere, cioè, il sistema massonico tecnocratico Bilderberg SpA FED BCE FMI Rothschild 666 Morgan, LGBTI Darwin GENDER, relativismo e usurocrazia burogra-fica.. lui non è responsabile.. i genitori sono responsabili per avere messo al mondo, queste ragazze, in un mondo che ha bestemmiato contro la Presenza e santità di Dio JHWH .. perché non c'é altro Dio, e creatore al di fuori di lui! CREDETELO O PREPARATEVI A MORIRE! 1 luglio 2017. Sofia Magerko, 16 anni, e Daria Medvedeva, 24, ucraine ed entrambe bellissime, tanto da conquistare lo scettro di reginetta, sono morte in diretta su Instagram: si stavano filmando mentre bevevano alcol a tutta velocità e l'auto si è schiantata contro un lampione. La più giovane, Sofia, stava riprendendo e, dopo le grida di gioia e divertimento, sono arrivati gli attimi della tragedia. Il video su Instagram diventa all'improvviso tutto nero e si sentono solo le urla e i rumori di un impatto violento. Il profilo Instagram di Sofia è stato chiuso, quello di Daria fino a stasera era ancora visibile. Tante i selfie fatti dalla ragazza di fronte alla sua Bmw, o al posto di guida, a farsi un selfie-stick. "Hey ragazzi, ci stiamo godendo la vita", dicono le ragazze nel video, ma un attimo dopo ecco le grida di terrore. Sofia aveva appena vinto un concorso di bellezza nella sua città, Izyum, in Ucraina. Un sogno finito troppo presto.


 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel
=======



LGBTI 666 FED ] come faccio IO, a raccordare il mondo Islamico? VOI LI AVERTE CONDANNATI A MORTE!



yitzhak kaduri Messiah In risposta cgc( 02.07.2017 | cgc, cgc, ESISTE un criminale problema SHARIAH il NAZISMO E GENOCIDIO (teologia della sostituzione) E NON POTETE PENSARE CHE SIA Israele a tirare le castagne bollenti, a nome di tutto il genere umano, totalmente ipocrita.. ecco perché risponderete tutti davanti al tribunale di Dio per la morte dei martiri cristiani in tutta la LEGA ARABA! i siriani danno i missili a hezbollah, ecc.. e poi, pensate che Israeliani devono avere tolleranza? Israele attacca posizioni siriane in risposta a bombardamento accidentale


 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel
=====

poiché non potrebbe mai esistere una soluzione 2Stati, poi, l'unica soluzione è una sola monarchia con due popoli, cioè, se la shariah viene abolita dalla LEGA ARABA!

Remarkably kept, ancient village faces future as another kind of ghost town

For decades, the empty homes of Lifta have avoided the fate of other Palestinian towns. As luxury developers eye the site, activists, archaeologists and former residents warn no amount of historical preservation will make up for building on the hillside



Binyamin Koretz · UC Berkeley

"Dov Lieber is The Times of Israel's Arab affairs correspondent."

Perhaps that one sentence explains how the Times of Israel can publish this weepy tragedy of a short-lived Arab village while never mentioning a word about how Lifta was built upon the ruins of an important Jewish town that thrived in this valley for over two thousand years: Mei Naftoah.

Mei Naftoah, a Hebrew adapation of an earlier name recounting Egyptian conquest, was already a small community based around a natural spring when the Israelites under Joshua displaced the Canaanite residents and established a Jewish village that would become an important source of agricultural products for Jerusalem residents for the next thousand or more years. After the destruction of the 2nd Temple and the end of the Great Revolt against Roman rule, Mei Naftoah increased in importance as a provincial center, remaining an important Jewish town through Byzantine rule and at least until the Crusader era.

"They are the Liftawis, the original occupants of the now empty village."

This is how the "Palestinian narrative" is handed down from one leftist Jewish idiot to the next.

Sorprendentemente tenuto, il villaggio antico affronta il futuro come un altro tipo di città fantasma

Da decenni, le case vuote di Lifta hanno evitato il destino di altre città palestinesi. Mentre gli sviluppatori di lusso osservano il sito, gli attivisti, gli archeologi e gli ex residenti non avvertono che una quantità di conservazione storica comporterà la costruzione della collina



Binyamin Koretz · UC Berkeley

"Dov Lieber è il corrispondente arabo dei tempi di Israele".

Forse che una frase spiega come i tempi di Israele possono pubblicare questa tragedia piangente di un villaggio arabo di breve durata, mentre non menziona mai una parola su come Lifta fosse costruita sulle rovine di un'importante città ebraica che prosperasse in questa valle per oltre duemila anni : Mei Naftoah.

Mei Naftoah, un'adattazione ebraica di un nome anteriore che racconta la conquista egiziana, era già una piccola comunità basata su una sorgente naturale quando gli israeliti sotto Giosuè spostarono i residenti cananei e fondarono un villaggio ebraico che sarebbe diventato un'importante fonte di prodotti agricoli per i residenti di Gerusalemme Per i prossimi mille o più anni. Dopo la distruzione del secondo Tempio e la fine della Grande Rivolta contro la regola romana, Mei Naftoah aumentò l'importanza come un centro provinciale, rimanendo un'importante città ebraica attraverso il dominio bizantino e almeno fino all'era crusadera.

"Sono le Liftawis, gli occupanti originali del villaggio ormai vuoto".

Questo è il modo in cui la "narrazione palestinese" viene tramandata da un idiota ebraico di sinistra verso il prossimo. http://www.timesofisrael.com/remarkably-kept-ancient-village-faces-future-as-another-kind-of-ghost-town/



===========

=======

============

Im Yitzhak Kaduri's Messiah • To #Iran, to #Saudi #Arabia] when I say "shariah must be abolished? I do not dare, what the Boko Haram say:" Western civilization is a sin "



to #Iran, to #Saudi #Arabia ] quando io dico "la shariah deve essere abolita? io non nego, quello che dicono i Boko Haram: "la civiltà occidentale è peccato"



Israeli security forces have arrested Khalida Jarrar, a female Palestinian lawmaker, for security offenses and terrorist connections.

Le forze di sicurezza israeliane hanno arrestato Khalida Jarrar, un legislatore palestinese, per i reati di sicurezza e le connessioni terroristiche.

 Im Yitzhak Kaduri's Messiah • io non negare la corruzione, immoralità della società occidentale! ecco perché la laicità, della mia metafisica società teocratica, non significa secolarismo

I do not deny Corruption, immorality of Western society!

That is why mode laic, my metaphysical theocratic society, does not mean secularism

https://worldisraelnews.com/israel-arrests-palestinian-lawmaker-for-terrorism-ties



To #Iran, to #Saudi #Arabia] but, This, shariah, Nazism, as an alliance with Satana / Allah, Morgan NWO FED NATO, and allied to Allah / Satan: ummah Mecca Kaaba, to kill Christians, etc .. all over the world? It is a fragile covenant with Hell, which can end up tragedy, from moment to moment, because of your wickedness!



ma, questa shariah il nazismo, come alleanza con Satana/Allah SpA Morgan NWO FED NATO, e alleato ad Allah/Satana: per uccidere i cristiani, ecc.. in tutto il mondo? è una fragile alleanza con l'Inferno, che certo può finire in tragedia, da un momento all'altro, a motivo della vostra malvagità!



 Im Yitzhak Kaduri's Messiah • To #Iran, to #Saudi #Arabia] But if we make the Kingdom of Israel-Palestine, we will force: all SpA Morgan, with all of his Satan's Beings: Enlightened Massive Satanists AIPAC, etc. to drop all under my jurisdiction, so the NWO must collapse ... while the our condemns Of shariah? 1. It is a protection for us (because we will not be responsible for all the Islamic crimes by Muhammad to today) 2. It will not expose us to Western corruption, and we will not be harmed!



ma, se noi realizziamo il Regno di ISRAELE, noi costringiamo Morgan con tutte le sue Bestie di Satana: Enlightened Massoni Satanisti AIPAC, ecc.. a cadere tutti sotto la mia giurisdizione, quindi, il NWO deve crollare... mentre la nostra condanna della shariah? 1. è una protezione per noi (perché, noi non saremo responsabili, di tutti i delitti islamici da Maometto ad oggi) 2. non ci esporrà alla corruzione ocidentale, e noi non saremo danneggiati!



Im Yitzhak Kaduri's Messiah • To #Iran, to #Saudi #Arabia] Or the World War is good for you, since: Shariah Genocide can not divide mankind with anyone!



oppure la guerra mondiale è buona per voi, dato che: genocidio shariah non può dividere il genere umano con nessuno!



To #Iran, to #Saudi #Arabia] I am only an agnostic man of the Holy God JHWH

io sono soltanto un agnostico uomo di Dio Santo JHWH



===============



Kjeld Hesselmann • Put her and the other accomplishes behind bars -- preferably life-time. They'll never turn away from terrorism.



 Im Yitzhak Kaduri's Messiah Kjeld Hesselmann • With shariah do not have a hope of surviving for us, so there is no, also, not must be hope for it: to survive in all the Nazi LEAGUE OCI shariah ARAB! But AIPAC SpA FED 666 Bilderberg NATO NWO, they are thinking of destroying Russia and China because they have stabbed Israel's hope behind, that's why all Israelis have to prepare to undergo the shoah!



 con la shariah non esite una speranza di sopravvivere per noi, cme non deve esistere una speranza: di poter sopravvire in tutta la LEGA ARABA dei nazisti! .. ma AIPAC SpA FED 666 Bilderberg NATO NWO, loro pensano a distruggere a Russia e Cina, perché hanno pugnalato alle spalle la speranza di Israele, ecco perché tutti gli israeliani si devono prepare a subire la shoah!

Pete • once a terrorist always so. there is no repentance with them.

https://worldisraelnews.com/israel-arrests-palestinian-lawmaker-for-terrorism-ties/



 bill levy • The truth is she is a Mossad asset so she has to pretend to be against Israel. ANSWER. Im Yitzhak Kaduri's Messiah bill levy • But in all ARAB LEAGUE OCI Akbar Allah Mecca Kaaba, all Christian martyrs do not pretend to die! Islam is the greatest crime against innocent peoples throughout, history of all the human race!



Ma in tutta la LEGA ARABA i martiri cristiani non fingono di morire! decisamente Islam è il più grande delitto contro persone innocenti in tutta la storia del Genere umano! https://worldisraelnews.com/israel-arrests-palestinian-lawmaker-for-terrorism-ties/


 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel
=



la bufala della immunità di gregge ] Il caso della Mongolia che dimostra che l’immunità di gregge non funziona

di Haiaty Varotto

La copertura vaccinale della Mongolia con due dosi di vaccino contro il morbillo è superiore da anni al 95%.

Nel marzo 2014 è stato dato grande rilievo al comunicato dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che ha dichiarato ufficialmente l’eliminazione del morbillo in Mongolia, con grandi festeggiamenti in occasione della consegna della certificazione dall’Oms, concessa ai Paesi in cui non si siano verificati casi di malattia da almeno tre anni.[1]

Poi, dal marzo 2015 è iniziata una estesa epidemia con 23 464 casi segnalati da marzo a dicembre 2015, e 27363 casi da gennaio a giugno 2016.[2

Questi dati dimostrano in maniera incontrovertibile che l'immunità di gregge non funziona.

Fonti:

[1] http://www.wpro.who.int/mediacentre/releases/2014/20140708/en/

[2]http://apps.who.int/iris/bitstream/10665/252544/1/RS-2016-GE-25-AUS-eng.pdf



Jerusalem Messiah Mahdì Yerushalayim Kingdom

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Morgan fucking you ] https://cecchinospadaccino.wordpress.com/2017/06/30/spa-fed-bce-nwo-fack-book-lgbti-nazisti-bilderberg-cia-666-uk-shariah

http://cecchinospadaccino.altervista.org/spa-fed-bce-nwo-fack-book-lgbti-nazisti-bilderberg-cia-666-uk-shariah/

SpA FED BCE NWO fack-book LGBTI nazisti Bilderberg CIA 666 UK shariah http://yerushalayim-jerusalem.blogspot.com/2017/06/spa-fed-bce-nwo-fack-book-lgbti-nazisti.html

Jerusalem Messiah Mahdì Yerushalayim Kingdom

Jerusalem Messiah Mahdì Yerushalayim Kingdom3

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



my ISRAEL ] forse in ANSA mi hanno messo un filtro su questo ://www.facebook.com/shalom.Gerusalemme rami non può scrivere più nulla che tutto viene distrutto!

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



poiché non potrebbe mai esistere una soluzione 2Stati, poi, l'unica soluzione è una sola monarchia con due popoli, cioè, se la shariah viene abolita dalla LEGA ARABA!

Remarkably kept, ancient village faces future as another kind of ghost town

For decades, the empty homes of Lifta have avoided the fate of other Palestinian towns. As luxury developers eye the site, activists, archaeologists and former residents warn no amount of historical preservation will make up for building on the hillsideBinyamin Koretz · UC Berkeley

"Dov Lieber is The Times of Israel's Arab affairs correspondent."

Perhaps that one sentence explains how the Times of Israel can publish this weepy tragedy of a short-lived Arab village while never mentioning a word about how Lifta was built upon the ruins of an important Jewish town that thrived in this valley for over two thousand years: Mei Naftoah.

Mei Naftoah, a Hebrew adapation of an earlier name recounting Egyptian conquest, was already a small community based around a natural spring when the Israelites under Joshua displaced the Canaanite residents and established a Jewish village that would become an important source of agricultural products for Jerusalem residents for the next thousand or more years. After the destruction of the 2nd Temple and the end of the Great Revolt against Roman rule, Mei Naftoah increased in importance as a provincial center, remaining an important Jewish town through Byzantine rule and at least until the Crusader era.

"They are the Liftawis, the original occupants of the now empty village."

This is how the "Palestinian narrative" is handed down from one leftist Jewish idiot to the next.

Sorprendentemente tenuto, il villaggio antico affronta il futuro come un altro tipo di città fantasma

Da decenni, le case vuote di Lifta hanno evitato il destino di altre città palestinesi. Mentre gli sviluppatori di lusso osservano il sito, gli attivisti, gli archeologi e gli ex residenti non avvertono che una quantità di conservazione storica comporterà la costruzione della collinaBinyamin Koretz · UC Berkeley

"Dov Lieber è il corrispondente arabo dei tempi di Israele".

Forse che una frase spiega come i tempi di Israele possono pubblicare questa tragedia piangente di un villaggio arabo di breve durata, mentre non menziona mai una parola su come Lifta fosse costruita sulle rovine di un'importante città ebraica che prosperasse in questa valle per oltre duemila anni : Mei Naftoah.

Mei Naftoah, un'adattazione ebraica di un nome anteriore che racconta la conquista egiziana, era già una piccola comunità basata su una sorgente naturale quando gli israeliti sotto Giosuè spostarono i residenti cananei e fondarono un villaggio ebraico che sarebbe diventato un'importante fonte di prodotti agricoli per i residenti di Gerusalemme Per i prossimi mille o più anni. Dopo la distruzione del secondo Tempio e la fine della Grande Rivolta contro la regola romana, Mei Naftoah aumentò l'importanza come un centro provinciale, rimanendo un'importante città ebraica attraverso il dominio bizantino e almeno fino all'era crusadera.

"Sono le Liftawis, gli occupanti originali del villaggio ormai vuoto".

Questo è il modo in cui la "narrazione palestinese" viene tramandata da un idiota ebraico di sinistra verso il prossimo. http://www.timesofisrael.com/remarkably-kept-ancient-village-faces-future-as-another-kind-of-ghost-town/

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



yitzhak kaduri Messiah In risposta cgc( 02.07.2017 | cgc, cgc, ESISTE un criminale problema SHARIAH il NAZISMO E GENOCIDIO (teologia della sostituzione) E NON POTETE PENSARE CHE SIA Israele a tirare le castagne bollenti, a nome di tutto il genere umano, totalmente ipocrita.. ecco perché risponderete tutti davanti al tribunale di Dio per la morte dei martiri cristiani in tutta la LEGA ARABA! i siriani danno i missili a hezbollah, ecc.. e poi, pensate che Israeliani devono avere tolleranza? Israele attacca posizioni siriane in risposta a bombardamento accidentale

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



naturalmente Stato lenone e biscazziere, cioè, il sistema massonico tecnocratico Bilderberg SpA FED BCE FMI Rothschild 666 Morgan, LGBTI Darwin GENDER, relativismo e usurocrazia burogra-fica.. lui non è responsabile.. i genitori sono responsabili per avere messo al mondo, queste ragazze, in un mondo che ha bestemmiato contro la Presenza e santità di Dio JHWH .. perché non c'é altro Dio, e creatore al di fuori di lui! CREDETELO O PREPARATEVI A MORIRE! 1 luglio 2017. Sofia Magerko, 16 anni, e Daria Medvedeva, 24, ucraine ed entrambe bellissime, tanto da conquistare lo scettro di reginetta, sono morte in diretta su Instagram: si stavano filmando mentre bevevano alcol a tutta velocità e l'auto si è schiantata contro un lampione. La più giovane, Sofia, stava riprendendo e, dopo le grida di gioia e divertimento, sono arrivati gli attimi della tragedia. Il video su Instagram diventa all'improvviso tutto nero e si sentono solo le urla e i rumori di un impatto violento. Il profilo Instagram di Sofia è stato chiuso, quello di Daria fino a stasera era ancora visibile. Tante i selfie fatti dalla ragazza di fronte alla sua Bmw, o al posto di guida, a farsi un selfie-stick. "Hey ragazzi, ci stiamo godendo la vita", dicono le ragazze nel video, ma un attimo dopo ecco le grida di terrore. Sofia aveva appena vinto un concorso di bellezza nella sua città, Izyum, in Ucraina. Un sogno finito troppo presto.=============================

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



LGBTI 666 FED ] come faccio IO, a raccordare il mondo Islamico? VOI LI AVERTE CONDANNATI A MORTE!

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



解救基督信徒奥肯内”运动是互联网充分发挥团结互助作用的典型范例美国呼吁布什总统“向沙特政府施加压力,制止其针对基督信徒的宗教迫害行径”罗马(亚洲新闻)—印度裔基督信徒布瑞恩·奥肯内被捕的消息,是二OO四年五月底,开始在意大利和世界各地的互联网上传播开来的。印度天主教活跃人士约翰·达亚尔,专门为此致函沙特阿拉伯国王,要求释放三月二十五日遭到逮捕,并遭到沙特宗教警察虐待和毒打的奥肯内。达亚尔的呼吁在媒体传播开来,亚洲新闻通讯社和其他一些国际媒体对此作出了广泛的报道。六月六日,意大利天主教互联网www. stranocristiano. com发起了“解救奥肯内”活动,与达亚尔等各种力量结合在一起,要求利雅得政府释放奥肯内。这次行动中,通过互联网和媒体,发表支持声援奥肯内的声明,以电子邮件的方式致函沙特阿拉伯驻罗马大使、意大利驻利雅得的代表,以及沙特驻联合国的办事处。电子邮件运动的效果似乎不大,因为,沙特阿拉伯政府、外交等各方面没有对此作出任何回应、没有就此发表任何声明。但是,亚洲新闻和其他国际媒体不断向沙特当局施加压力,强烈要求释放奥肯内。此外,美国和加拿大政府、印度驻利雅得大使馆;以及各种媒体、外交人士、政府和普普通通的市民对这一事件的关注和呼吁,产生了作用。今年七月,美国宗教自由联盟“自由之家”,要求美国国务卿鲍威尔在利雅得之行期间,同沙特政府交涉奥肯内事件。短短的时间里,天主教会和新教团体的互联网在全世界范围内掀起了一系列大规模的运动,英语、西班牙语网站;英国、西班牙和美国的各种机构团体;意大利的一些著名媒体纷纷加入了“解救奥肯内”的行列。人们还通过明信片、信件等,给身在狱中的奥肯内带去鼓励和支持。奥肯内本人,则通过前往狱中探望他的人们,向外界转达了他本人向所有关心他的人的感谢。同时,也引起了沙特法官的注意。得知人们纷纷寄来信件和明信片后,法官指责奥肯内是“企图在沙特阿拉伯宣传基督信仰的外籍势力组织的领导人”。十一月初,奥肯内在被法庭以贩卖酒类判处十个月的监禁和三百鞭刑后,突然被驱逐出沙特阿拉伯。不久前,总部设在美国华盛顿的“国际基督信仰观察”,还专门发表了致布什总统的公开信,要求“会晤沙特阿拉伯驻美国大使,向其表达我们对发生在沙特阿拉伯的针对基督信仰团体的迫害事件的谴责”。这一组织要求布什总统“告知沙特政府,应停止上述针对基督信仰团体的迫害行径”。

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



The 'Save O'Connor' campaign, an example of Internet solidarityRome (AsiaNews) – The news that an Indian Christian, Brian Savio O'Connor, had been jailed in Saudi Arabia started to spread in Italy and Europe in late May 2004. Indian Catholic activist John Dayal wrote King Fahd, Saudi Arabia's ruler about O'Connor's story, his arrest and abduction on March 25, his torture by Saudi religious police, the Muttawah. Soon, Mr Dayal's appeal was quickly moving along the virtual grapevine of the Internet. AsiaNews and a few other international agencies were among the first to report the news. On June 6, an Italian Catholic Website—www. stranocristiano. com—followed Mr Dayal's appeal and launched a 'Save O'Connor' campaign to gain the release of the Indian national and show that his captivity was based on religious motives hiding behind false charges. Assuntina Morresi, the mind behind the campaign initiative, wrote: "We join John Dayal in asking that Brian Savio O'Connor be set free. Religious freedom is a universal right and no nation can call itself civilised if it denies this right. "This 'e-campaign' provided a brief written appeal in favour of Mr O'Connor that people could send via e-mail to Saudi Arabia's Ambassador in Rome, Mohammed Bin Nawaf Bin Abdulaziz Al Saud, the Saudi Mission at the United Nations and Italy's representative in Riyadh, Armando Sanguigni. Initially, the e-campaign apparently went nowhere: no reaction, no statements from the Saudis. Never the less, AsiaNews and advocacy groups like Middle East Concern interested in the O'Connor case started noticing increased diplomatic pressure by some countries on Saudi authorities for O'Connor's release. The governments of the US and Canada raised the issue with their counterpart in Riyadh. India's Embassy in Saudi Arabia, albeit reluctantly, became aware that international media, foreign embassies, governments and ordinary citizens were increasingly worried about the fate of its citizen. In July, Freedom House, a US group advocating religious freedom, asked US secretary of State Colin Powell to confront the Saudis with the O'Connor case during his visit to the Saudi capital. In a short time, Christian Websites of different confessions started to campaign in earnest. English- and Spanish-language Websites, US, British and Spanish advocacy groups, some major Italian newspapers become aware of the 'Save O'Connor' campaign and informed their readers and members. A write-in campaign was launched. Postcards and letters started reaching Mr O'Connor in his prison jail, all expressing support and solidarity. From his jail in Olaya Prison, Brian O'Connor let it be known that he was grateful to all those who provided him with moral support in their messages and prayers. Information about the e-campaigns also reached the Saudi court authorities in Deerah (Riyadh) where O'Connor's trial was taking place. Saudi judges saw in the postcards, letters and messages proof that Mr O'Connor was the "leader of a group backed by foreign forces bent on promoting Christianity in the country". The rest, as they say, is history: Mr O'Connor was released in early November and immediately expelled after the court was forced to reduce the charges against him to "selling alcoholic beverages".

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



La campagna "Salvate il cristiano O'Connor", esempio di solidarietà via internetNegli Usa un appello al presidente Bush: faccia pressioni sul governo saudita per fermare le persecuzioni contro i cristiani. Roma (AsiaNews) - La notizia della detenzione del cristiano indiano Savio Brian O'Connor si diffonde in Italia e in Europa a fine maggio 2004. L'attivista cattolico indiano John Dayal scrive al re saudita Fahad per chiedere la scarcerazione di O'Connor, imprigionato dal 25 marzo nelle carcere di Riyadh dopo essere stato rapito e torturato dalla Muttawa, polizia religiosa saudita. L'appello di Dayal entra nel circuito mediatico e viene rilanciato da AsiaNews e da alcune agenzie internazionali. Il 6 giugno il sito cattolico italiano www. stranocristiano. com lancia la campagna "Salvate il cristiano O'Connor" per unirsi a Dayal nel domandare la liberazione del cittadino indiano, detenuto per motivi religiosi camuffati sotto false accuse di attività illegali. "Ci uniamo anche noi alla richiesta di John Dayal, chiediamo anche noi libertà per Brian Savio O'Connor" scrive nel lancio dell'iniziativa Assuntina Morresi, ideatrice della campagna. "Il diritto alla libertà religiosa è universale! Non può chiamarsi civile una nazione che neghi tale diritto". L'iniziativa - denominata e-camapgna dalla modalità telematica con cui viene compiuta - fornisce un breve appello in favore di O'Connor da inviare via e-mail all'ambasciatore dell'Arabia Saudita a Roma, Mohammed Bin Nawaf Bin Abdulaziz Al Saud, al rappresentante italiano a Riyadh, Armando Sanguigni, e all'ufficio saudita all'Onu. L' e-campagna - solo apparentemente – sembra non sortire effetto: non si registrano risposte ufficiali dei responsabili sauditi o diplomatici nè loro dichiarazioni al riguardo. Ma AsiaNews e altri enti che seguono il caso dell'inidnoa detenuto in Arabia – tra cui Middle East Concern – registrano una crescente pressione di alcuni stati sulle autorità saudite per la liberazione di O'Connor: sono specialmente i governi americani e canadese a sollevare il caso presso il governo di Riyadh. Anche l'ambasciata indiana in Arabia Saudita, seppur in modo infastidito, denota l'interesse di vari organi di stampa, ambasciate, governi, semplici cittadini verso le sorti del cristiano indiano. A luglio l'associazione statunitense per la libertà religiosa Freedom House chiede al Segretario di Stato americano Colin Powell di affrontare con il governo saudita il caso O'Connor durante la sua visita a Riyadh. In breve tempo vari siti internet, cattolici, evangelici e protestanti rilanciano la campagna in tutto il mondo: portali web in lingua inglese e spagnola, enti americani, inglesi e spagnoli, alcuni importanti organi di stampa italiani danno notizia dell'e-campagna "Salvate il cristiano O'Connor". Accanto a questa iniziativa di denuncia se ne affianca una di solidarietà rivolta in modo specifico a Brian attraverso l'invio di cartoline e lettere che vogliono manifestare la vicinanza di altri cristiani al protestante indiano. Lo stesso O'Connor dichiara a chi lo viene a visitare nel carcere di Olaya di voler ringraziare quanti lo sostenuto attraverso messaggi e preghiere. La notizia delle 2 e-campagne di denuncia e solidarietà arriva anche all'attenzione del tribunale di Deerah (nei pressi di Riyadh) dove O'Connor si trova sotto processo: i giudici sauditi, saputo delle cartoline, messaggi e lettere da lui ricevute da diversi paesiricevute, lo accusano di essere "leader di un gruppo sponsorizzato da forze straniere per promuovere il cristianesimo nel paese". Il resto è noto: ai primi di novembre O'Connor viene improvvisamente scarcerato ed espulso dall'Arabia dopo che le accuse a sue carico sono state riformulate dal tribunale in una generica accusa "vendita di liquori". Sull'onda del caso O'Connor l'International Christian Concern di Washington ha di recente inoltrato una lettera aperta al presidente Bush per chiedere di "incontrare l'ambasciatore saudita ed esprimergli il nostro biasimo per le persecuzioni contro i cristiani e altre minoranze in Arabia Saudita" dove i cristiani sono "continuamente arrestati, picchiati, torturati e imprigionati dalla polizia religiosa saudita". L'ente americano chiede a Bush di "informare il governo saudita che questi attacchi contro i cristiani e le minoranze devono essere fermati".

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



布瑞恩·奥肯内介绍“我,一名基督信徒在沙特阿拉伯监狱的遭遇”Nirmala Carvalho在亚洲新闻通讯社大力推动的国际社会声援运动的支持下,因进行福传而被捕入狱的印度新教徒终于获释。他在重新获得自由后接受亚洲新闻通讯社的独家专访时指出:“在沙特的监狱里,还有许许多多需要你们帮助的布瑞恩。”胡布里(亚洲新闻)—现年三十六岁,在沙特阿拉伯工作的印度卡纳塔克邦新教徒布瑞恩·奥肯内,因被指控进行基督信仰的宣传而被捕。在七个月零七天的铁窗生活中,奥肯内被铁链捆绑,并遭到了毒打和虐待。在亚洲新闻通讯社和世界许多公教及非公教网站共同掀起的声援奥肯内国际运动后,十一月初,这名印度新教徒终于重新获得了自由。日前,奥肯内在他的家乡,卡纳塔克邦南部的小城市胡布里,接受了亚洲新闻通讯社的独家专访。为我们介绍了他在沙特阿拉伯的经历,包括了他在监狱的生活。布瑞恩·奥肯内是一名英印混血儿。一九九八年四月十五日,抵达沙特阿拉伯,在沙特阿拉伯航空公司行李部工作。闲暇空余时间,他就在自己的住所内,组织巴基斯坦人和阿拉伯人进行圣经分享和祈祷活动。他随身携带了百余张圣经内容的DVD,其中包括了圣经人物电影、纪录片、书籍等等。此外,还有六十多份新教布道录像带。他的电脑中,还保存了整部的圣经。伊斯兰圣地麦加和麦丁纳所在地沙特阿拉伯,是一个极端主义意识形态主宰的国家;禁止各种除伊斯兰以外的宗教信仰。宗教警察负责监督,他们的任务是消灭一切圣经、玫瑰经念珠、十字架;禁止进行基督信仰聚会活动。尽管沙特王室允许在私人家中进行除伊斯兰信仰以外的宗教信仰活动。但是,这些宗教警察却不放过其他宗教信徒的任何行动。 奥肯内先生,您是怎么被捕的? 三月二十五日傍晚五点四十五分,我接到一个叫约瑟夫的陌生人的电话。他声称是一个叫奥兰多的人的朋友,引起了我的怀疑。但是,我仍然邀请他来我住的公司宿舍房间里。叫约瑟夫的人却坚持要在外面同我见面,在宿舍对面的酒吧里。我问他是谁,他说是埃及人。事实上,他讲话时带有浓重的沙特口音。我刚刚走出家门,就发现三辆满载着警察的汽车在等着我。他们甚至还带着远红外线望远镜。这就意味着,我早已经被监视了。警察蜂拥而来上来抓我,将我塞进了一辆汽车,驶进了一座清真寺。伊斯兰宗教警察给我带上了脚镣。有一名几乎两米高(我才一米七)膀大腰圆的警察,提起了我的脚镣,将我倒挂起来。很时间以后,到了夜里我才醒过来。他们在一个多小时的时间里,就这样倒挂着我,并对我连踢带打,还用鞭子抽。我根本无法躲过雨点般打在我脸上的拳头,我的手被绑在了背后。 半夜时分,我已经被打得奄奄一息了。警察给我出示了一张纸,他们一边殴打我,一边强迫我的所谓供词上签字。即我持有圣经内容的CD、DVD、在沙特阿拉伯进行福传。对于这些指控,我告诉他们,我是在自己的住所中进行宗教聚会活动的,这是不违法的。但是,他们坚持强调除伊斯兰外,其他任何宗教都是违法的。过了一会儿,他们又要求我在另一张纸上签字。那上面写的是我贩卖酒类。尽管我已经被打得奄奄一息了,可是我仍然拒绝在这些伪证上签字。我告诉一名警察:“我是耶稣的信徒,一名宣讲员。……我怎么会贩卖酒类呢?”(福音派新教禁止酗酒)。 请介绍一下您的监狱生活…… 我感到十分软弱、很害怕。我不知道他们会捏造什么样的指控。我的一切都被没收了,我住的地方被搜了个底儿朝天。……我为给在印度的家人带来了巨大的痛苦而深感遗憾。在监狱时,我同十七名谋杀犯、毒品犯和其他重刑犯人关在一起。狱警严密监视我们的所有行动、交谈。好象这样还不够,到处都设置了录像装置。我在吃上没有遇到什么问题,阿拉伯和印度食品几乎差不多。我的一些朋友贿赂了看守,给我弄了一部手机。感谢这部移动电话——在监狱中是违法的,我才能与外面的亲人们联络。 他们允许您祈祷吗? 开始时,每当我要祈祷时,同室的囚犯就打断我,批评我。一个月后,一些人成了我的朋友,他们甚至去请求狱警允许我祈祷。我只能在伊斯兰祈祷时间以外的时刻祈祷。每天,监狱里五次进行穆斯林祈祷。这时,我也被迫保持安静、不能动。 您如何看待这段监狱生活? 就象是“充满矛盾的降福”。我感到自己为耶稣而受难,是上帝的偏爱。更何况,我在监狱的时候,至少使二十一个人认识了基督。得益于这次信仰的考验,我的信德成长了。上帝对我的传教和宣讲福音活动给予了肯定。 您是否为前往沙特阿拉伯感到遗憾? 不,我将此行视为“充满矛盾的降福”。二OO三年十二月,有人曾经给我介绍了一份英国的工作,我拒绝了。或许这是圣神的启示吧。如果我接受了去英国工作的机会,也就不可能有机会在沙特阿拉伯的监狱里见证福音了。 二OO四年九月十五日,奥肯内被带到法院出庭。对他的指控是贩卖酒类和毒品、持有色情物品、传播基督信仰。根据沙特阿拉伯的法律,上述指控完全可以判处奥肯内终身监禁。法官将福传指控与其他指控分开审理。对于沙特最高法院来说,尚属首次。 与此同时,全世界掀起了一场大规模的声援奥肯内,要求立即释放奥肯内的活动。沙特阿拉伯王室的第二号人物纳依夫王子,亲手写下了一纸命令,要求撤消对奥肯内的一切指控。十月二十日,尽管王室成员下了令,但是,法院仍然就所谓贩卖酒类罪名,对奥肯内进行了判决。 他们怎么会指控您贩卖酒类饮品呢? 十月二十日,检察院说一名宗教警察派遣的人证实从奥肯内那里买了酒;并支付了一张做了记号的钞票。伊斯兰警察问我,身上是否有这张钞票。控方说我有十瓶一升装的酒。我提出了上诉,并要求检查在酒瓶和钞票上是否有我的指纹。他们回答说,沙特没有这种检查系统。就这样,把我关进了监狱。 您被判处十个月监禁和三百次鞭刑,后来又怎么样了呢? 我已经服了七个月的刑,还查三个月。至于鞭刑,感谢上帝他们没真的打我。可是很奇怪,尽管纳依夫王子已经下令了,可我仍然被关在监狱里。似乎警方与政府之间没有任何协调和沟通。总之,一天夜里,他们把我带到了机场,把我送上了飞往孟买的飞机。我的主内兄弟姐妹们在那里迎候我。有趣的是,他们对我说,在我被驱逐后,法院十一月六日还找我出庭。所以我还得呆在沙特阿拉伯,等着结案。……这真是太荒唐了! 正如您已经知道的,亚洲新闻通讯社和世界各地的团体掀起了声援您早日获得自由的国际运动…… 为此,我真的非常感谢亚洲新闻通讯社;感谢“全印基督信仰理事会”以及“全球基督信仰团结互助联盟”对我的支持。此外,我更愿意借此机会,向亚洲新闻通讯社的读者们表示感谢,谢谢你们从世界各地给我邮寄来的明信片、信件。但是,我还想给大家一个任务,在沙特阿拉伯的监狱里,还有许许多多需要你们帮助的布瑞恩

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Brian O'Connor: "My story, a Christian in a Saudi jail"Nirmala CarvalhoExclusive interview with Brian O'Connor, an Indian Protestant accused of evangelising activities and freed after an international campaign supported by AsiaNews. He says that in "Saudi jails there are many more Brians who need help. "Hubli (AsiaNews) – Charged with "Christian evangelisation", Brian Savio O'Connor spent seven months and seven days in a Saudi jail, at times in chains and tortured. The 36-year-old Protestant man from the Indian state of Karnataka is now a free a man once again after he was released in early November thanks to an international campaign launched by AsiaNews and other Websites, Catholic and non Catholic, around the world. From his town of Hubli in Karnataka where he lives with his brother and family, O'Connor spoke to AsiaNews about his ordeal. Mr O'Connor is an Anglo-Indian. On April 15, 1998, he arrived in Saudi Arabia to work as a baggage handler for Saudi Arabian Airlines. In his spare time, he organised Bible study sessions in the privacy of his home, especially with Pakistanis and Arabs. He had a hundred or so DVD with biblical themes: quotes, documentaries, films on biblical characters. He also had over 60 Trinity Broadcasting Corporation videotapes showing Rev Benny Hinn's sermons. He had also installed a digital Bible in his computer. The Saudi Kingdom is home to Islam's two holiest sites: Mecca and Medina. The country is ruled by a fundamentalist ideology that prohibits all forms of religion except for Islam. Its religious police—the infamous Muttawah—is ever vigilant against Bibles, rosaries, crosses or Christian gatherings. Although Saudi princes have said that non Muslim religious practices are possible in private, the Muttawah makes no difference between private and public. Mr O'Connor, how were you arrested?On the evening of March 25, at around 5:45 pm, I received a phone call from a stranger who called himself Joseph. He said that a friend, Orlando, wanted to talk to me about Christianity. I did not know any Orlando and grew suspicious. But even so, I invited him to come, along with this Orlando, to my room (the quarters my Muslim employers provided me). This man, Joseph, insisted that we meet in a coffee shop just outside my room. I asked him who he was and from where. He claimed to be an Egyptian national, but I was sure that he had a marked Saudi accent. As soon as I stepped outside my room, there was a convoy of three cars waiting for me with religious police who had night binoculars. I realised then that I had been under surveillance for some time. I was bundled into one of the waiting cars and driven to a mosque. Inside, the Islamic police chained my legs together. I am about 5'6'' and this huge 6'2" tall, hefty policeman hangs me upside down, swinging me from left to right by the chains on my feet. Often in my cell at night I could hear the sound of the chains ringing in my ears. I was battered in this upside-down position for more than an hour. I was kicked and punched and whipped. I was unable even to ward off the punches to my face, as my hands were tied behind my back. It was nearly midnight and I was weak from the torture when a policeman brought some papers. In between the torture sessions, he forced me to sign statements in which I confessed that I had in my possession Biblical DVDs and CDs and was engaged in evangelising activities. I told them that private religious meetings were not illegal, but they kept on saying that any religious activity other than Islam was prohibited. I was then asked to sign a confession in which I acknowledged that I was selling alcohol. I may have been in severe physical pain and I may have been exhausted, but I refused to sign this false statement. I told the Muttawah officer, how could I, a preacher and believer in Jesus, be selling alcohol? [Evangelical Christians refuse and prohibit alcohol use. ]Tell us about your life in prison . . . I was miserable and, at times, frightened, not knowing what new false charges would be levied against me, all my personal belongings confiscated, my room ransacked. I was also worried about the distress my arrest and imprisonment would cause to my family back home in India. I was imprisoned in a cell with 17 other inmates, people convicted on charges ranging from murder to drug peddling and other such heinous crimes. The section of the prison where I was confined had 14 cells. There were few guards but our movements and conversations were closely monitored by cameras which monitored our every move. There was no problem with regards to food as Indians and Saudis more or less eat the same things. I did manage to maintain some contact with people outside with the help of "illegal mobile phones" which were smuggled in for me by the guards for a price. Did they let you pray?Initially, whenever I tried to pray, I faced stiff resistance and antagonism from my fellow cell mates. Within a month of my arrest however, I had befriended some of the 17 convicts who petitioned the jailer to allow me to pray. I did, but only between Muslim prayers. I had to keep a strict discipline and remain silent during their five daily prayers. How would you describe your time in prison?As a blessing in disguise. I feel privileged for suffering in the name of Jesus. Besides, my time in prison has meant that 21 people have come to know Jesus. Thanks to this ordeal I have emerged stronger in faith and endurance. The Lord has confirmed my mission as an evangelical preacher. Are you sorry you ever went to Saudi Arabia?No! As I said, it was a blessing in disguise. In 2003 I was offered a job in Great Britain but I turned it down. Perhaps, it was the Holy Spirit's doing. If I had accepted I would not have been able to bear witness to the Gospel in a Saudi prison. On September 15, 2004, Mr O'Connor was brought to court on charges of selling alcohol, drug use, possession of pornographic material and spreading Christianity. Under Saudi law, these charges are punished by life in prison. The judge however decided to separate the evangelisation charges from the rest. For this charge, he was supposed to be tried by the High Court. For the others, he was tried there and then with Muttawah agents called to testify. In the meantime, a campaign for Mr O'Connor's liberation was launched. Eventually, Prince Naif, the second ranking prince in the Saudi royal family, wrote to the court ordering it to drop all charges. But on October 20, despite the Prince's intervention, the court met to try him for his alleged alcohol sale. How could they charge you with selling alcohol?According to the prosecutor, a man sent by the Muttawah told the religious police that he bought alcohol from me paying with marked banknotes. They alleged that I was found with the marked banknotes and charged me with selling alcoholic beverages. They said that I had sold ten 1-litre bottles of alcohol. I then threatened to appeal to the High Court and asked them for proof: whether they had my fingerprints on any of the bank notes or on the ten bottles. They said that they had no such system in Saudi Arabia. I was then sent back to my cell. You were sentenced to 10 months in jail and 300 lashes, what happened to you afterwards?The seven months I had already served were a part of the 10 month sentence for selling of alcohol. Praise the Lord! I was not whipped. This only proves that [. . . ] there is no coordination between the Saudi police and the Government. Then, one night I was driven to a Saudi airport and put on a flight to Mumbai, where my brothers in Christ picked me up. An interesting point is that my colleagues in Saudi Arabia said that I was still scheduled to appear before the court on November 6 on the alcohol charges. How ridiculous . . . Such efficiency!As you may be aware, Asia News launched an international campaign to secure your release . . . I am very grateful to AsiaNews for the international campaign that was launched on my behalf. I am also thankful to 'Christian Solidarity Worldwide' and 'All India Christian Council' for their assistance. I especially want to thank the readers of AsiaNews for the postcards and letters that kept pouring in from around the globe. But please tell the world that there are many more Brians in Saudi Jails waiting for some help.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Brian O'Connor: "Io, cristiano, nelle prigioni saudite"Nirmala CarvalhoIntervista esclusiva con il cristiano protestante indiano, accusato di evangelizzazione e liberato dopo una campagna internazionale sostenuta da AsiaNews. Brian O'Connor chiede: "Nelle prigioni saudite vi sono molti altri Brian che hanno bisogno del vostro aiuto". Hubli (AsiaNews) - Per 7 mesi e 7 giorni è stato prigioniero, incatenato e torturato nelle prigioni dell'Arabia Saudita, accusato di "evangelizzazione cristiana". Brian Savio O'Connor, 36 anni, protestante del Karnataka, è ormai libero dai primi di novembre, grazie anche a una campagna internazionale che AsiaNews ha lanciato a suo favore insieme a vari siti cattolici e non sparsi nel mondo. Da Hubli, una piccola città del sud del Karnataka, dove vive col fratello e la famiglia, O'Connor ha accettato di parlare con AsiaNews della sua esperienza. Brian O'Connor è un Anglo-indian. Il 15 aprile '98 è arrivato in Arabia Saudita, accettando di lavorare come addetto ai bagagli per la compagnia aerea saudita (Saudi Arabian Airlines). Nel suo tempo libero O'Connor organizza incontri biblici in privato, con persone pakistane e arabe. Ha con sé un centinaio di DVD a tema biblico: citazioni, documentari, film su personaggi della Bibbia, oltre a circa 60 videocassette con le prediche del pastore Benny Hinn della Trinità Broadcasting Corporation. Nel suo computer ha anche installato una versione digitale della Bibbia. Il regno saudita, dove vi sono le città sante di Mecca e Medina, dominato da un'ideologia fondamentalista, proibisce ogni espressione religiosa diversa dall'Islam. La polizia religiosa – la famigerata Muttawah – vigila per eliminare ogni bibbia, rosario, croce, o assemblea cristiana. E anche se i reali sauditi permettono pratiche religiose diverse dall'Islam almeno in privato, la polizia religiosa non fa distinzione. Sig. O'Connor, come è avvenuto il suo arresto?La sera del 25 marzo, verso le 5. 45, ricevo una telefonata da uno sconosciuto di nome Joseph. Diceva che era amico a un certo Orlando e voleva incontrarmi per parlare di cristianesimo. Non conoscevo nessun Orlando e perciò mi sono insospettito. Ad ogni modo li ho invitati a venire nella mia stanza, nella casa che la mia ditta, musulmana, mette a disposizione per i suoi impiegati. L'uomo di nome Joseph insiste che dovremmo incontrarci fuori, in un bar di fronte. Gli chiedo chi fosse e lui mi dice che è egiziano. In realtà la sua parlata aveva un forte accento saudita. Appena uscito di casa, scopro che vi sono 3 macchine in attesa, piene di poliziotti religiosi. Avevano perfino i binocoli a raggi infrarossi. Questi significa che ero controllato da tempo. I poliziotti mi agguantano, mi mettono in una delle auto e mi portano dentro a una moschea. La polizia islamica mi ha incatenato i piedi. Uno dei poliziotti, un gigante di almeno 2 metri (io sono alto solo 1,70 m), mi prende dalla catena dei piedi e mi mette a testa in giù facendomi oscillare. Per molto tempo dopo, di notte mi svegliavo al ricordo dello stridore di quelle catene. Per più di un'ora hanno continuato a colpirmi facendomi oscillare a testa in giù: mi davano pugni, calci, frustate. Non potevo nemmeno proteggermi dai colpi sulla faccia perché avevo le mani legate dietro la schiena. Verso mezzanotte, mentre ero debolissimo per le torture, un poliziotto mi mostra delle carte. Fra una tortura e l'altra mi ordinano di firmare la mia confessione e cioè che possedevo dei CD e dei DVD biblici e che evangelizzavo in Arabia saudita. A questa accusa ho risposto loro che gli incontri religiosi in privato non sono illegali. Ma loro continuano ad insistere che la pratica di ogni fede diversa dall'Islam è proibita. Dopo un po' mi chiedono di firmare anche un altro foglio con cui confessavo di aver venduto alcol. Ma anche se ero debole ed esausto, mi sono rifiutato di firmare questa falsa confessione. E ho detto a un poliziotto: "Sono un credente in Gesù, un predicatore… come è possibile che io venda dell'alcol?" [ndr: i protestanti evangelici non fanno uso di alcol e lo proibiscono]. Ci descriva la sua vita in prigione…Mi sentivo molto debole e spaventato: non sapevo quali altre false accuse potevano montare contro di me: tutte le mie cose erano state confiscate; la mia abitazione perquisita da cima a fondo… Mi dispiaceva anche tutto il dolore che provocavo alla mia famiglia in India. In prigione ho vissuto in una cella con altre 17 condannati per omicidio, commercio di droga, e altri crimini pesanti. La sezione dove ero confinato ha 14 celle; le poche guardie vigilavano sui nostri movimenti e le nostre conversazioni. E come se non bastasse, vi erano anche delle telecamere dovunque. Non ho avuto problemi per il cibo: arabi e indiani mangiano più o meno le stesse cose. Alcuni miei amici, corrompendo una delle guardie, sono riusciti anche a procurarmi un telefonino. Grazie a questo strumento – illegale in prigione – potevo stare in contatto con la gente fuori. Le permettevano di pregare?All'inizio, ogni volta che cercavo di pregare, i miei compagni di prigione mi interrompevano e mi criticavano. Dopo un mese sono divenuto amico di alcuni di loro e loro stessi hanno chiesto ai carcerieri di darmi il permesso di pregare. Potevo farlo solo fuori dell'orario della preghiera islamica. Quando tutta la prigione si fermava per la preghiera musulmana 5 volte al giorno ero obbligato a stare in silenzio e immobile. Come definirebbe la sua vita in prigione?Come una benedizione "paradossale" (lett. : blessing in disguise, benedizione travestita): mi sento un privilegiato per aver sofferto a causa di Gesù. Oltretutto, la mia presenza in prigione ha portato almeno 21 persone a conoscere il Cristo. Grazie a questa avventura la mia fede e la mia resistenza si sono accresciute. Il Signore mi ha confermato nella missione e nella predicazione. Non le dispiace essere andato in Arabia Saudita?No, considero una "benedizione paradossale" anche l'esservi andato. Nel dicembre 2003 mi hanno offerto un lavoro in Gran Bretagna, che io ho rifiutato. Forse è stato un suggerimento dello Spirito Santo: se avessi accettato non avrei avuto questa possibilità di testimoniare il vangelo nelle prigioni dell'Arabia Saudita. Il 15 settembre 2004 O'Connor è portato in tribunale, accusato di vendita di alcolici, uso di droga, possesso di materiale pornografico e diffusione del cristianesimo. Secondo la legge saudita, per tutte queste accuse, O'Connor rischia almeno l'ergastolo. Il giudice separa le accuse di evangelizzazione dalle altre: per la prima sarà giudicato da una Corte Superiore; per le altre si giudica al momento e si chiamano come testimoni i poliziotti islamici. Intanto nel mondo si è diffusa una campagna per la sua liberazione. Il Principe Naif, il secondo in ordine d'importanza nella casa reale saudita, manda un ordine scritto alla corte per chiudere il caso e far cadere tutte le accuse contro O'Connor. Ma il 20 ottobre, nonostante l'ordine della casa reale, la corte si incontra per giudicare O'Connor solo per le accuse di vendita di alcol. Come hanno fatto ad accusarla di vendita di alcol?Il 20 ottobre il Pubblico Ministero afferma che un uomo inviato dalla Muttawah dice di aver comprato dell'alcol da O'Connor e lo ha pagato con una banconota segnata. La polizia islamica dice di aver trovato addosso a me questa banconota segnata. Secondo l'accusa io ho venduto 10 bottiglie da un litro di alcolici. Ho chiesto di presentare il mio caso alla Corte d'Appello. E ho anche chiesto di verificare se sulle bottiglie e sulle banconote vi erano le mie impronte digitali. Loro mi hanno risposto che in Arabia saudita non hanno questi sistemi di controllo. E mi hanno chiuso ancora in cella. Lei è stato condannato a 10 mesi di prigione e a 300 frustate. Cosa è successo poi?Avevo già passato 7 mesi in prigione; me ne restavano ancora 3. Quanto alle frustate, grazie a Dio non lo hanno fatto. Ma è curioso che, nonostante l'ordine del principe Naif, restavo ancora in prigione: sembra proprio che non vi sia coordinamento fra la polizia islamica e il governo. Ad ogni modo, una notte vengono a prendermi e mi conducono in auto all'aeroporto, caricandomi su un volo per Mumbai, dove sono stato accolto dai miei fratelli di fede. Un fatto interessante che mi hanno detto: dopo che mi hanno espulso, la corte mi ha ancora cercato per presentarmi di nuovo in tribunale il 6 novembre scorso! E così sono ancora atteso in Arabia per la conclusione del processo… È davvero ridicola tutta questa… efficienza!Come forse sa, AsiaNews e altri gruppi in Italia e nel mondo hanno lanciato una campagna internazionale per la sua liberazione…. Sono veramente grato ad AsiaNews per questo. E ringrazio anche Christian Solidariety Worldwide e la All India Christian Council per il loro sostegno. Voglio ringraziare in particolare tutti i lettori di AsiaNews per le cartoline e le lettere a valanga che sono arrivate da tutto il mondo. Ma voglio anche lasciarvi un compito: nelle prigioni saudite vi sono ancora molti altri Brian che hanno bisogno del vostro aiuto.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



奥肯内被判处十个月监禁和三百鞭刑印度基督信徒因“福传”被关押了整整七个月。印度人权活跃人士致函沙特阿拉伯国王要求释放奥肯内利雅得(亚洲新闻)—十月二十日,在沙特阿拉伯遭到宗教警察逮捕后被关押的印度裔基督信徒奥肯内被判处十个月的监禁和三百鞭刑。日前,维护中东地区基督信仰团体权益的“中东关注”组织介绍了这一情况。连续数月来这个机构始终关注奥肯内事件的进展 三月二十五日,奥肯内在沙特阿拉伯遭到宗教警察的逮捕。对他的指控是宣讲基督信仰、持有和贩卖酒精类饮品、持有毒品和色情录像。 九月十五日,在初次出庭接受审判时,奥肯内本人亲自一一驳斥了宗教警察的诬陷。奥肯内没有律师,在法庭上只能靠自己的力量辩护。最初,法官要求其讲阿拉伯文。但是,奥肯内表示,他的阿拉伯语水平有限,要求法庭提供翻译。庭审开始后,主审法官并没有出席,而是由他的助理主持了开庭。并且,从一开始,就对奥肯内充满了敌意的态度。 奥肯内向法庭抗议控方诬陷他持有色情录像,因为,在他的电脑中保存的是基督信仰的资料。他承认持有圣经和录像带,但是否认色情内容。 接着,他在回答持有圣经问题时指出,那是他六年前从印度带来的,是为了学习天主圣言的。而且,在他入境时,“机场海关并没有没收”。法庭表示,被告“不清楚”沙特关于禁止持有圣经的条例。 十月二十日,沙特阿拉伯法庭针对所谓持有酒精类饮品罪进行了判决。奥肯内当庭表示不服判决,并将提出上诉。 据“中东关注”报道,奥肯内被转交给了奥拉亚监狱的驱逐部。这名印度公民,很可能会在穆斯林斋月后遭到驱逐。 印度“全印基督信仰联盟”主席达雅尔,为此专门致函沙特阿拉伯国王,要求他对奥肯内实施特赦。

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Ten months in jail and 300 lashes for Christian prisoner O'ConnorIndian Christian in prison for seven months charged with evangelisation sentenced only for "selling alcohol". Indian Christian activist writes to Saudi monarch asking for his compatriot's release. Riyadh (AsiaNews) – On October 20, a Saudi court in Deerah near Riyadh sentenced Brian Savio O'Connor, a Indian Christian resident in Saudi Arabia, to ten months in prison and 300 lashes for selling "alcoholic beverages", this according to Middle East Concern (MEC), an organisation dedicated to the fate of Christians in the Middle East that has been monitoring the case of the Protestant man from the south-eastern Indian state of Karnataka. Mr O'Connor has been incarcerated in Olaya prison since March 25 after the Muttawa, the Saudi religious police, abducted him from home and tortured for 24 hours in a mosque. He was later charged with preaching Christianity, selling alcohol, drug use and possession of pornographic videos. He has always denied the charges, but has acknowledged leading Bible studies in his home for expatriate Christians after the authorities published information in the local press whereby non-Muslims could practice their religion at home. In practice, religious freedom does not exist in the country except for Muslims and any religious activity outside Islam is considered a felony. In his October 20 court hearing, the judges found him guilty of selling alcohol but did not mention any of the other charges: drug use, evangelisation and, after September 15, possession of pornographic videos. After reading the sentence, the court asked Mr O'Connor if he accepted this decision. He declined thus appealing the decision. He was warned that under Saudi law the higher court would most likely increase the sentence if it, too, found him guilty. During the hearing Brian asked why the religious police who arrested him were not present as had been announced at the previous hearing. He was told that they had given their statement at a private hearing. According to the MEC and Mr O'Connor's family, the Muttawa did a good job at trumpeting up the alcohol charges. He was found in possession of banknotes—whose serial number the Muttawa had taken down—that had been used by an agent paid by the police to purchase the alcohol. MEC sources claim that the O'Connor file has now moved to the "Departure" section of Olaya prison indicating that he might be expelled from the country after Ramadan. Following the Court's decision, Indian activist John Dayal wrote an appeal to Saudi King Fahd bin Abdulaziz al-Saud asking him to "give clemency to O'Connor" and urge the Saudi government to "release this Indian citizen who has already suffered much". "We are sure," Mr Dayal said in the letter, that "we will not be disappointed in this appeal for mercy and justice in the name of universal brotherhood, human dignity and the friendly relations between the two countries, India and Saudi Arabia. "John Dayal is the President of the All India Catholic Union (which represent India's 16 million Catholics) and the Secretary General of the All India Christian Council, one of India's major ecumenical Christian organisations. AsiaNews and other Catholic websites (see www. stranocristiano. it) have followed the O'Connor case and promoted an awareness campaign on his behalf. In the letter to the Saudi king, Dayal states that O'Connor's "employers have declared that the allegations against their employee are not valid" even though it is accepted that he is a practicing Christian. According to Dayal, Mr O'Connor's arrest, his experience in jail and now his sentence have caused "deep concern" amongst Indian Christians. "Brian," Dayal wrote, "has no criminal record at home or abroad, and has been arrested, we feel, just for his religious convictions.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Dieci mesi di prigione e 300 frustrate per il cristiano O'ConnorIl cristiano indiano, in carcere da 7 mesi per "evangelizzazione", è stato condannato solo per "vendita di alcol". Attivista cristiano indiano scrive al re saudita chiedendone la scarcerazione. Riyadh (AsiaNews) – Dieci mesi di prigione e 300 frustrate: questa la pena che il tribunale di Deerah, nei pressi di Riyadh, ha inflitto il 20 ottobre al cristiano indiano Brian Savio O'Connor. L'accusa con la quale O'Connor è stato accusato è "vendita di liquori". Lo riferisce Middle East Concern (MEC), un'organizzazione a favore dei cristiani in Medio oriente, che da mesi sta seguendo il caso del cristiano protestante, originario del Karnataka (sudest dell'India). O'Connor è detenuto dal 25 marzo nel carcere di Olaya, dopo essere stato rapito all'esterno della proprio abitazione a Riyadh dalla Muttawa (la polizia religiosa saudita) e torturato per 24 ore in una moschea. In seguito è stato accusato di predicazione del cristianesimo, vendita di liquori, uso di droga e possesso di materiale video pornografico: O'Connor ha sempre negato le accuse a suo carico. Egli ha ammesso di aver organizzato incontri di studio e preghiera sulla Bibbia dopo aver letto su un giornale saudita le dichiarazioni di funzionari statali secondo i quali la pratica della religione cristiana in abitazioni private è consentita dallo stato. In Arabia Saudita non esiste effettiva libertà religiosa al di fuori dell'islam e ogni pratica religiosa pubblica è considerata reato. Nell'udienza del 20 ottobre i giudici hanno condannato O'Connor per vendita di liquori, ma sorprendentemente le altre accuse – droga ed evangelizzazione, alle quali il 15 settembre si era aggiunto il possesso di video porno – non sono state riformulate dalla corte e O'Connor non è stato accusato come nelle udienze precedenti. Dopo la lettura del verdetto i giudici hanno domandato all'imputato se accettava il verdetto; O'Connor ha risposto di no, affermando che farà appello, sebbene le autorità giudiziarie lo abbiano avvertito che l'ordinamento giuridico saudita prevede un inasprimento di pena se il condannato viene riconosciuto colpevole in ultima istanza. Durante l'udienza O'Connor ha chiesto perché la polizia religiosa, responsabile del suo arresto, non era presente al dibattimento, come gli era stato preannunciato in precedenza. Il tribunale gli ha risposto che la Muttawa aveva già dato un'audizione privata. L'accusa di vendita di liquori – secondo MEC e le testimonianze della famiglia di O'Connor – è stata costruita ad arte dalla Muttawa: O'Connor è stato trovato in possesso di banconote precedentemente registrate dalla polizia religiosa e usate da un acquirente assoldato dalla Muttawa. Fonti di MEC affermano che il fascicolo su O'Connor è stato consegnato alla sezione "espulsione" della prigione di Olaya: è possibile che dopo la fine del Ramadan il cittadino indiano venga espulso dal paese. In risposta alla condanna del tribunale di Deerah, l'attivista indiano John Dayal ha rivolto un appello al re saudita re Fahd bin Abdulaziz Al Saud chiedendogli di "concedere clemenza a O'Connor" e di spingere il governo di Riyadh a "rilasciare questo cittadino indiano che ha già molto sofferto". "Siamo certi che non resteremo delusi in questo appello per la misericordia e la giustizia in nome della fratellanza universale, della dignità umana e delle relazioni amichevoli tra India e Arabia Saudita" scrive Dayal, presidente della All India Catholic Union (sigla che rappresenta 16 milioni di cattolici indiani) e segretario generale dell'All India Christian Council, ente che rappresenta milioni di cristiani in India. AsiaNews e altri siti cattolici italiani e stranieri (tra cui www. stranocristiano. it ) hanno da tempo lanciato una campagna di solidarietà e sensibilizzazione per il caso di Brian O'Connor. Nella sua lettera al re saudita Dayal fa presente che "i datori di lavoro di O'Connor hanno dichiarato che le accuse contro di lui non sono valide", riconoscendo che egli è un cristiano praticante. L'arresto di O'Connor, la sua incarcerazione e la sentenza di pochi giorni fa hanno causato "profonda preoccupazione" nella comunità cristiana indiana, sottolinea Dayal. "O'Connor non ha mai avuto problemi con la giustizia nel suo paese" afferma l'attivista cristiano. "Pensiamo sia stato arrestato solo a causa delle sue convinzioni religiose".

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



基督信徒不断遭到逮捕和迫害利雅得监狱中仍然关押着许多基督信徒,他们与什叶派和苏菲派伊斯兰异端分子囚禁在一起利雅得(亚洲新闻)—印度新教徒布瑞恩·奥肯内事件,只是沙特阿拉伯长期迫害外籍和本地基督信徒的一系列暴力歧视行径之一。利雅得政府对除伊斯兰以外的任何宗教信仰,都予以严厉压制。为此,生活工作在沙特的八百多万名外籍人士,越来越感到不安。 在沙特阿拉伯遭到沉重打击的宗教信仰团体,首推基督信仰团体。据亚洲新闻通讯社驻当地通讯员报道,今天,沙特阿拉伯的监狱里关押着许多因宗教信仰而被捕的基督信徒。 二OO三年十月,两名埃及基督信徒遭到沙特宗教警察的逮捕。一个月后,二人获释。 二OO三年二月,一名外籍基督信徒因将一部阿拉伯文圣经送给了一名沙特阿拉伯公民而遭到驱逐。利雅得政府只允许外籍人士持有本国语言的圣经。阿拉伯语圣经的拥有者,被视为企图强制他人改教,为此也是违法的,应被关进监狱。同样是在二OO三年,一名埃塞俄比亚基督信徒遭到驱逐。二OO三年初,一名巴基斯坦基督信徒被捕。上述人士中,两人是在获释后被驱逐出境的。但是,其他两人从此下落不明。 二OO二年五月,警方逮捕了十名厄立特里亚和埃塞俄比亚基督信徒。当时,他们正在进行每周五的例行聚会活动。施行逮捕的时候,警方试图栽赃诬陷他们持有酒类饮品,以违法的借口将十名基督信徒治罪。 二OO二年二月,于二OO一年七月被捕的十四名基督信徒中的最后一名,菲律宾籍的丹尼斯·莫莱诺-拉卡雷获释。这些人分别来自印度、埃塞俄比亚、厄立特里亚、尼日利亚、菲律宾等国。他们定期在私人住所中进行宗教祈祷聚会活动。 二OO二年一月二十八日,“国际基督信仰观察”收到三名埃塞俄比亚基督信徒的信,揭露了他们在捷达监狱中遭到的残酷虐待。他们被关押了整整六个月,从没有任何正式的指控,只因为是基督信徒而被囚禁。 在沙特阿拉伯,根本不存在宗教自由。除伊斯兰以外,其他所有宗教都被视为违法。法律只允许在私人住所中进行伊斯兰信仰以外的宗教活动。但是,最近一段时间以来发生的一系列事件,完全否定了这一说法。目前,在沙特阿拉伯监狱里,还关押着致力于民主与人权事业的许多什叶派和苏菲派伊斯兰异端分子。

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Christians arrested and persecuted in Saudi ArabiaRiyadh prisons are full of Christians but also Shiites and 'heretical' Sufi practitioners. Riyadh (AsiaNews) - Brian Savio O'Connor's case is but the latest one in a long series of arrests, torture and abductions endured by Christians in Saudi Arabia. The Saudi regime's oppression of anything that is not Wahhabi Islam is raising fears among the eight million foreigners working in the desert kingdom. Christianity is especially marked for repression. Local sources told AsiaNews that many Christians are in Saudi prisons for religious reasons. In October 2003, the Muttawah, the Saudi religious police, arrested two Egyptian Christians. They were released a month later. In February 2003, a foreign Christian of unknown nationality was expelled for giving an Arabic Bible to a Saudi citizen: foreigners are allowed to have Bibles in their own language, but owning one in Arabic is tantamount to proselytising, a crime that is punished with a jail sentence. Again in 2003, an Ethiopian Christian was expelled for refusing to provide a public inquiry with information about his religious beliefs. In early 2003, four Pakistani Christians were arrested by the Muttawah for no apparent reason: two were eventually released and expelled; nothing is known of the other two. In May 2002, Jeddah police arrested 10 Christians from Eritrea and Ethiopia who had gathered for their weekly meeting, on a Friday, Islam's day of rest. At the time of their arrest, the police tried to incriminate them by promising them alcohol and drinks. . In February 2002, Dennis Moreno-Lacalle, a Filipino man and the last of 14 Christians arrested in July of the previous year was released. He and other Christians from India, Nigeria, Ethiopia, Eritrea and his native Philippines used to gather in private homes for prayers and other religious activities. They had all been charged with "illegal Christian activities". In Prison, Muttawah agents told Mr Moreno-Lacalle that he would be freed if he converted to Islam but he steadfastly refused and for this spent six months in jail. On January 28, 2002, International Christian Concern received a letter from three Ethiopian Christians describing the terrible violence and torture they were endured in Jeddah's Bremen Prison. At that point in time, the three men had spent six months in jail; their crime: being Christian. There is no religious freedom in Saudi Arabia. With the exception of Wahhabi Islam, all other religions are banned from public life. In principle, Saudi law allows members of other confessions to worship in the privacy of their home, but in practice, this is not the case. Lest we forget, many Shiites and Sufi* practitioners are also languishing in prison, not to mention some Saudi Muslims fighting for democracy and the respect for human rights. (LF) * Sufism is a mystical form of Islamic worship. Sufi practitioners are organised into brotherhoods and sisterhoods. Many orders ("tariqas") are either Shiite or Sunni or even both. A few are neither and so constitute a separate sphere of Islam.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Arabia Saudita: arresti e persecuzioni contro i cristianiNelle carceri di Riyadh vi sono ancora numerosi fedeli, insieme a sciiti e a sufi, gli eretici dell'Islam. Riyadh (AsiaNews) - Il caso di Brian Savio O'Connor è solo l'ultimo di una lunga serie di arresti, torture e rapimenti contro i cristiani - sia locali che stranieri - in Arabia Saudita. La cappa oppressiva del regime di Riyadh su ogni manifestazione religiosa diversa dall'islam wahabita suscita sempre più inquietudine tra gli oltre 8 milioni di stranieri che lavorano nel regno saudita. La religione più colpita dal regime saudita è quella cristiana. Fonti locali di AsiaNews affermano che nelle carceri saudite ancora oggi ci sono numerosi cristiani detenuti per motivi religiosi. Nell'ottobre 2003 due cristiani egiziani sono stati arrestati e incarcerati dalla Muttawa (la polizia religiosa saudita); sono poi stati rilasciati il mese successivo. Nel febbraio 2003 un cristiano straniero, di cui si ignora la nazionalità, è stato espulso per aver dato una bibbia in lingua araba a un cittadino saudita: agli stranieri è consentito infatti possedere libri religiosi nelle proprie lingue, ma il possesso di bibbie in arabo viene considerato un atto di proselitismo e quindi illegale, punibile con il carcere. Sempre nel corso del 2003, un cristiano etiope è stato espulso dal paese perché si rifiutava di offrire informazioni sulle proprie convinzioni religiose nel corso di un'indagine pubblica. All'inizio del 2003 quattro cristiani pakistani sono stati arrestati senza specificazioni dalla Muttawa. Due sono stati rilasciati ed espulsi, ma degli altri due non si sono più avute notizie. Nel maggio 2002 la polizia di Jeddah ha arrestato 10 cristiani eritrei ed etiopi che si riunivano di venerdì per il loro incontro settimanale, in concomitanza con la giornata festiva del paese musulmano. Al momento dell'arresto la polizia ha cercato di ingannare i cristiani promettendo loro alcool e bevande, volendo avere un pretesto legale (il divieto di alcolici) per incriminare i 10 fedeli. Nel febbraio 2002 viene rilasciato l'ultimo dei 14 cristiani imprigionati nel luglio precedente: Dennis Moreno-Lacalle, filippino, è uno degli stranieri provenienti da India, Nigeria, Etiopia, Eritrea e Filippine che si incontravano in case private dove poter motivi religiosi e tenere momenti di preghiera. Tutti e 14 sono incarcerati per non meglio specificate "attività cristiane illegali". Nel corso della sua prigionia la Muttawa ha promesso a Moreno-Lacalle di rilasciarlo immediatamente se si fosse convertito all'islam, ma egli ha sempre rifiutato: per questo, è restato in carcere per 6 mesi. Il 28 gennaio 2002 l'International Christian Concern ha ricevuto una lettera di 3 cristiani etiopi che raccontavano le terribili violenze e torture subite nel carcere Bremen, a Jeddah, dove erano rinchiusi da 6 mesi, senza aver mai stati ufficialmente incriminati, ma solo incolpati dai carcerieri per la loro appartenenza cristiana. In Arabia Saudita non esiste libertà religiosa: tutte le religioni diverse dall'islam wahabita sono bandite dalla vita pubblica. La legge permette solo a titolo privato la pratica di religioni diverse dall'islam, ma i fatti recenti smentiscono questa affermazione di principio. Attualmente sono in prigione anche numerosi sciiti e sufi (una corrente mistica dell'islam), oltre ad alcuni attivisti musulmani sauditi che si battono per la democrazia e il rispetto dei diritti umani.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



一名皈依基督信仰的沙特公民被逮入狱吉达(亚洲新闻)—一名皈依基督信仰的沙特阿拉伯公民遭到逮捕,并入狱。这一事件,于十一月二十九日发生在沙特东部城市霍夫弗。但是,直到几天前,才由专门致力于捍卫世界各地被捕基督信徒权益的组织,总部设在华盛顿的“国际基督信仰关注(ICC)”向外界公布。据当地消息来源向本社证实,被捕入狱的基督信徒是埃玛德·阿拉巴迪。同时,本社被告知,“此时此刻,在监狱中被关押的并不只这名沙特基督信徒一人,还有许多其他人”。 “国际基督信仰关注(ICC)”介绍说,与埃玛德一起被捕的至少还有三到四人。因“宣讲基督信仰”被捕入狱,最终被利雅得政府驱逐出境印度天主教徒布瑞恩·奥肯内,在接受亚洲新闻通讯社的采访时,证实了沙特监狱中关押着许多基督信徒。奥肯内被监禁期间,遭到了严刑拷打。被驱逐回到印度后,奥肯内告诉本社记者,“沙特监狱中还有许多基督信徒需要你们的帮助”。十一月二十九日,埃玛德正驾车接孩子放学回家时,被沙特宗教警察拦截。他们一直跟随他把孩子送到家,然后,将其送进了市内的监狱。接着,他又被转押到吉达的监狱。至今,仍被关押在那里。十二月四日,埃玛德终于得以同在澳大利亚的母亲通话,并将自己的情况和目前所在地告诉了她。埃玛德告诉母亲说,“他感到非常虚弱”。“国际基督信仰关注(ICC)”认为,沙特宗教警察为了迫使基督信徒埃玛德重新改信伊斯兰,而对他进行了严刑拷打。现年三十岁的阿拉巴迪,是四个孩子的父亲。两年前,他成为一名基督徒。但是,目前尚不清楚他属于哪一个基督信仰团体。 极端的伊斯兰信仰,是沙特阿拉伯唯一正式承认的宗教。尽管近年来,沙特政府承诺允许其他宗教信徒在私下举行祈祷活动,但事实上,这个国家不存在宗教自由。负责监督市民宗教活动的宗教警察,继续在迫害基督信徒。即便是聚集在私人住所中祈祷的基督信徒,也无一例外地遭到他们的迫害。沙特阿拉伯王国禁止建造圣堂、小堂等宗教活动场所。全国21,600,000人中,穆斯林信徒占93. 7%、基督教徒占3. 7%。而且,几乎全部是外籍劳工。沙特阿拉伯共有800,000天主教徒。沙特阿拉伯基督信徒的具体数字,尚不完全清楚。

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Saudi Christian convert arrested and jailedJeddah (AsiaNews) – A Saudi citizen converted to Christianity has been arrested and jailed. Emad Alaabadi was taken into custody last November 29, at Hofuf, a town in eastern Saudi Arabia, but the news was reported only a few days ago by the International Christian Concern (ICC), a Washington-based human rights group. AsiaNews local sources have confirmed the report, and also say that he "is not the only Saudi Christian in jail at the moment: there are also others". According to news obtained by ICC, other Christians – at least 3 or 4 – appear to have been arrested along with Emad. The presence of Christians in Saudi prisons had also been confirmed by Brian O'Connor, in an interview with AsiaNews. Brian Savio O'Connor is a Protestant Indian who was deported from Saudi Arabia after being tortured and held in prison for "having preached Christianity". Upon his return to India, O'Connor told AsiaNews that "there are still many other Christians that need your help in Saudi prisons". Last November 29, Amad was intercepted by the Muttawa, Saudi religion police, while he was driving his children home from school. The police escorted them home and then took Amad to the local prison. Later he was transferred to Jeddah, were he is currently imprisoned. On December 4, he managed to contact his mother, who lives in Australia, by telephone, to let her know what had happened and where he was. The mother reported that he sounded very weak: ICC said that the Muttawa agents probably tortured the Christian-faith Amad to reconvert him to Islam. Alaabadi is 30 years old and has 4 children. He became Christian 2 years ago, but it is not known to what denomination he belongs. Fundamentalist Wahhabi Islam is the only expression of religion allowed in Saudi Arabia. There is no religious freedom in the country, even if Saudi officials have been tolerating the private practice of other religions. However, the Saudi religion police, the Muttawa, continues to persecute Christians in their homes where they meet to pray. The construction of churches or chapels is not allowed in the country. Muslims make up 93. 7% of the Saudi population of 21. 6 million people. Christians, who are almost entirely foreigners, account for 3. 7% of the population. There are 800,000 Catholics. There are no exact figures on the number of Saudi Christians.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Arrestato e incarcerato un saudita convertito al cristianesimoJeddah (AsiaNews) - Un cittadino saudita convertitosi al cristianesimo è stato arrestato e incarcerato. Il fatto è avvenuto il 29 novembre a Hofuf, città orientale dell'Arabia, ma la notizia è stata diffusa solo alcuni giorni fa da International Christian Concern (ICC) di Washington, impegnato nella difesa dei cristiani perseguitati nel mondo. Fonti locali hanno confermato ad AsiaNews l'arresto del di Emad Alaabadi – questo il nome del cristiano imprigionato – affermando che egli "non è il solo cristiano saudita in carcere in questo momento, ce ne sono altri". Dalle notizie pervenute a ICC, altri cristiani - almeno 3 o 4 - sarebbero stati arrestati insieme a Emad. La presenza di cristiani nelle prigioni saudite era staat confermata anche in un'intervista di Brian O'Connor ad AsiaNews. Brian Savio O'Connor, è un protestante indiano espulso dall'Arabia dopo torture e prigionia per "aver predicato il cristianesimo". Una volta giunto in India, O'Connor aveva detto in un'intervista ad AsiaNews che "nelle prigioni saudite vi sono ancora molti altri cristiani che hanno bisogno del vostro aiuto". Il 29 novembre Amad è stato intercettato dalla Muttawa, la polizia religiosa saudita, mentre stava guidando per portare a casa i figli da scuola. Gli agenti lo hanno scortato fino a casa e poi l'hanno portato nella prigione della città. In seguito Amad è stato condotto in carcere a Jeddah, dove attualmente è detenuto. Il 4 dicembre egli è riuscito a telefonare a sua madre, che si trova in Australia, per comunicarle quanto gli era successo e dove si trovava. La madre ha riferito che il figlio "sembrava molto debole": ICC ritiene che gli agenti della Muttawa abbiano torturato il cristiano Amad per riconvertirlo all'islam. Alaabadi ha 30 anni ed è padre di 4 figli. È diventato cristiano 2 anni fa. Non si conosce ancora a quale confessione cristiana appartiene. L'islam fondamentalista wahabita è l'unica religione ammessa ufficialmente in Arabia Saudita. Non esiste libertà religiosa, sebbene negli ultimi anni le autorità saudite permettono a seguaci di altre religioni la pratica in privato. La Muttawa, la polizia che controlla il comportamento religioso degli abitanti, continua però a perseguire i cristiani anche nelle loro case private, dove si riuniscono per pregare. Nel regno saudita non è permesso costruire luoghi di culto, chiese o cappelle. Su 21,6 milioni di abitanti, i musulmani sono il 93,7%. I cristiani sono il 3,7% della popolazione, nella quasi totalità lavoratori stranieri. I cattolici sono 800 mila. Non si hanno cifre precise sul numero dei sauditi cristiani.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Una selva de cruces y nombres de mártires en el desierto de Arabia SauditaEs el descubrimiento de un grupo franco-saudí de arqueólogos guiados por el profesor Fréderic Imbert. Se datan en el período 470-475, cuando el usurpador Yussuf ordenó la masacre de los cristianos, del cual hay una alusión en el Corán. Un signo de la vasta difusión del cristianismo en la península arábiga hasta la llegada dl islam. Beirut (AsiaNews/Agencias)- Una selva de cruces esculpidas en las rocas del desierto de Arabia Saudita, signo de la presencia de una vivaz comunidad cristiana alrededor del Siglo V después de Cristo. Es el descubrimiento hecho por un grupo hecho por un grupo franco-saudí de arqueólogos guiados por Frédric Imbert, profesos de la Universida de Aix-Marsella. En una conferencia en la universidad americana de Beirut, de la cual da noticia el Orient-Le Jour, el profesor Imbert expuso sus descubrimientos en las paredes de roca del Jabal Kawkab ("la montaña de la estrella"), en la zona sur de Arabia Saudita, en el emirato de Najran. La zona se llama Bir Hima o Abar Hima, un nombre "que se refiere a una zona de pozos conocidos desde la antigüedad". Según el arqueólogo, es probable que la zona fuese una zona de descanso para aprovisionarse de agua" para las caravanas que viajaban de Yemen a Najran. Las cruces, afirma Imbert, "no son la únicas conocidas en Arabia del sur y del este", pero "son sin duda las más antiguas cruces cristianas en un contexto datado en el año 470 de nuestra era". Con las cruces hay mezclados textos. El conjunto de las inscripciones se extiende por más de 1 km, con una serie de nombres, en una forma que se puede definir una lengua aramea local. Ellas representan una "lengua árabe pre-islámica, o más precisamente, una lengua "nabateo-árabe". Las inscripciones se colocan en el período del reino himairita de Shurihbil Yakkuf, que ha gobernado Arabia del sur del 470 al 475. Durante su dominio habrían iniciado las persecuciones de los cristianos. Es interesante notar que entre los nombres escritos entre las cruces hay nombres como Marthad y Rabi, ambos inscriptos en la lista de los mártires de Najran, en el así llamado "Libro de los Himairitas". Para comprender el contexto en el cual las cruces y los nombres fueron ecritos en la roca, el profesor Imbert explicó que a fines de S. III D. C. , en Arabia del sur estaba la dinastía himairita, que reinó por 150 años. Esta permaneció neutral entre los dos grandes imperios bizantino y persa, eligiendo al hebraísmo como religión. Por su parte, el cristianismo se difundió en Arabia a partir de S. IV, pero "es en el S. Vi que se difunde en la región del Golfo, en las regiones costeras de Yemen y y en Najran"La difusión del cristianismo se realiza gracias a los misioneros persas del Imperio Sasánide y gracias a los misioneros siríacos (que no aceptaban el Concilio de Calcedonia, sobre las dos naturalezas- divina y humana de Jesucristo). Dos obispos, consagrados en el año 485 y en el 519, pertenecería a la comunidad siríaca, quizás provenientes de Irak. Hacia el 470-475, Yusuf (Dhu Nuwas) usurpa el trono himaitita. Y es él el que ordena la masacre de los cristianos de Najran. Tal masacre está confirmada por diversas fuentes cristianas. También el Corán menciona en la sura al-Buruk ("las constelaciones"). Los cristianos sobrevivientes envían un pedido a Khaleb, rey de Etopía, que envía una expedición militar en socorro de los perseguidos. El ejército de Yusuf es derrotado, a Yusuf lo matan y se instaura en Arabia un reino cristiano. Tal reino será un protectorado etíope hasta la conquista del islam. Para Fredéric Imbert, las cruces y las inscripciones, son "el más antiguo libro de los Árabes", escrito "en las piedras del desierto", una página de historia de los Árabes y del cristianismo".

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



A forest of crosses and names of martyrs in the desert of Saudi ArabiaA Franco-Saudi archaeological team is responsible for the discovery. Prof Frédéric Imbert dated the graffiti to 470-475, a time when anti-Christian persecution began, culminating under the usurper Yusuf. Even the Qur'an refers to it indirectly. The findings show how far Christianity had spread at the time, until the arrival of Islam. Beirut (AsiaNews/Agencies) - A forest of crosses engraved in the rocks of the desert of Saudi Arabia is a sign of the presence of a vibrant Christian community around the fifth century AD. Unearthed by a Saudi-French archaeological team, the graffiti include inscriptions with a number of biblical and Christian names, perhaps those of martyrs killed during a wave of persecution in the fifth century. L'Orient-Le Jour reported that Prof Frédéric Imbert, a professor at the University of Aix-Marseille and a member of the team, presented his findings at a conference at the American University of Beirut on the rock engravings of Jabal Kawkab ("Star Mountain"), in Najran, southern Saudi Arabia. The area is called Bi'r Hima or Abar Hima, names "that refer to places with wells known since ancient times. " According to Imbert, an epigrapher, the area is located on the route "that connected Yemen to Najran" where caravans could be resupplied in water. Inscriptions were found with crosses, scattered over a one-square kilometre. Some inscriptions appear to be in a local version of Aramaic, a pre-Islamic form of Arabic, Nabataean-Arabic to be more precise. The inscriptions have been dated to the reign of Shurihbil Yakkuf, who controlled southern Arabia in 470-475. The persecution of Christians appears to have started under his rule. It is interesting to note that the names Marthad and Rabi were found inscribed on the crosses. Both are on the list of martyrs of Najran, in the so-called Book of Himyarites. In order to understand crosses and rock inscriptions, it is necessary to know that back in the 3rd century AD, southern Arabia was ruled by the Ḥimyarite dynasty, which lasted for about 150 years. In order to maintain its neutrality between the two great powers of the time, the Byzantine and Persian empires, its kings chose Judaism as their religion. However, Christianity began to spread in Arabia in the fourth century. By "the sixth century, it reached the Gulf region, Najran and the Yemen coast". The missionary activities of Christians from Iran's Sassanid Empire and Monophysite Christians from Syria hostile to the Council of Chalcedon (on Christ's dual nature) favoured the spread of Christianity. Two Syriac bishops, probably from what is now Iraq, were consecrated in 485 and 519. Later, Yusuf (Dhu Nuwas) seized power in the Kingdom of Ḥimyar, ordering the massacre of Christians in Najran, an event reported in several Christian chronicles, with a reference even in the Qur'an, in Shura Al-Burūj (The Celestial Stations). When Christian survivors sent an appeal to Khaleb, King of Ethiopia, he organised a military expedition to rescue the persecuted. Yusuf's army was defeated and the usurper himself was killed. A Christian kingdom was established in Arabia, as an Ethiopian protectorate, until it was conquered by Islam. For Frédéric Imbert, the crosses and the inscriptions are "the oldest book of the Arabs," written "on desert stones," a "page of Arab and Christian history".

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Una selva di croci e nomi di martiri nel deserto dell'Arabia sauditaE' la scoperta di un gruppo franco-saudita di archeologi capeggiati dal prof. Frédéric Imbert. Risalgono al periodo 470-475, e culminano quando l'usurpatore Yussuf ordinò il massacro dei cristiani, di cui vi è anche un'eco nel Corano. Un segno della vasta diffusione del cristianesimo nella penisola arabica fino all'arrivo dell'islam. Beirut (AsiaNews/Agenzie) - Una selva di croci scolpite nelle rocce del deserto dell'Arabia saudita, segno della presenza di una vivace comunità cristiana intorno al quinto secolo dopo Cristo; una serie di nomi cristiani e biblici, forse di martiri uccisi in una persecuzione del V secolo. E' la scoperta fatta da un gruppo franco-saudita di archeologi guidati da Frédéric Imbert, professore all'università di Aix- Marseille. In una conferenza all'università americana di Beirut, di cui dà notizia l'Orient-Le Jour, il prof. Imbert ha esposto le sue scoperte sulle pareti di roccia del Jabal Kawkab ("la montagna della stella"), nella zona sud dell'Arabia saudita, nell'emirato di Najran. La zona si chiama Bir Hima o Abar Hima, un nome "che rinvia a una zona di pozzi conosciuti fin dall'antichità". Secondo l'archeologo, è probabile che l'area fosse una zona di sosta per l'approvvigionamento dell'acqua" per le carovane che viaggiavano dallo Yemen a Najran. Le croci, afferma Imbert, "non sono le sole conosciute nell'Arabia del sud e dell'est", ma "sono senza dubbio le più antiche croci cristiane in un contesto datato al 470 della nostra era". Alle croci sono mescolati dei testi. L'insieme delle iscrizioni si estende per più di un chilometro, con una serie di nomi, in una forma che si può definire una lingua aramaica locale. Esse rappresentano una "lingua araba pre-islamica", o ancora più precisamente, una lingua "nabateo-araba". Le iscrizioni si collocano nel periodo del regno himairita di Shurihbil Yakkuf, che ha governato l'Arabia del sud dal 470 al 475. Durante il suo dominio sarebbero iniziate le persecuzioni dei cristiani. E' interessante notare che fra i nomi iscritti fra le croci vi siano i nomi di Marthad e Rabi, entrambi iscritti nella lista dei martiri di Najran, nel cosiddetto "Libro degli Himairiti". Per comprendere il contesto in cui le croci e i nomi sono stati scritti sulla roccia, il prof. Imbert ha spiegato che alla fine del III secolo dopo Cristo, nell'Arabia del sud vi è stata una dinastia himayrita, che ha regnato per 150 anni. Essa è rimasta neutrale fra i due grandi imperi bizantino e persiano, scegliendo l'ebraismo come religione. Da parte sua, il cristianesimo si è diffuso in Arabia a partire dal IV secolo, ma "è nel VI secolo che si diffonde nella regione del Golfo, nelle regioni costiere dello Yemen e a Najran". La diffusione del cristianesimo avviene grazie ai missionari persiani dell'impero sassanide e grazie ai missionari siriaci (che non accettavano il concilio di Calcedonia, sulle due nature - divina e umana di Gesù Cristo). Due vescovi, consacrati nel 485 e nel 519, apparterrebbero alla comunità siriaca, forse proveniente dall'Iraq. In seguito, Yusuf (Dhu Nuwas) usurpa il trono himayrita. Ed è lui che ordina il massacro dei cristiani di Najran. Tale massacro è confermato da diverse fonti cristiane. Anche il Corano se ne fa eco nella sura al-Burug ("le costellazioni"). I cristiani sopravvissuti inviano un appello a Khaleb, re d'Etiopia, che invia una spedizione militare a soccorso dei perseguitati. L'esercito di Yusuf viene sconfitto, Yusuf viene ucciso, e si instaura in Arabia un regno cristiano. Tale regno sarà un protettorato etiope fino alla conquista dell'islam. Per Frédéric Imbert, le croci e le iscrizioni sono "il più antico libro degli Arabi", scritto "sulle pietre del deserto", una "pagina di storia degli Arabi e del cristianesimo".

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



La Meca: la policía saudita frustra un ataque terrorista en la Gran MezquitaEl terrorista se hace explotar, haciendo derrumbar el edificio donde se había escondido. No hubo víctimas, pero 11 personas resultaron heridas. En la misma jornada fueron detenidas otras dos células terroristas. Millones de musulmanes se encuentran en La Meca por la finalización del Ramadán. Las dudas de algunos observadores. Riad (AsiaNews/Agencias)- Las fuerzas de seguridad sauditas han frustrado un atentado en la Gran Mezquita de La Meca, la ciudad más importante de la religión islámica. El ministerio del Interior reportó la noticia, agregando que otras dos células terroristas estaban planificando atacar a los fieles y a la policía. Ayer, el terrorista suicida fue rodeado en un apartamento situado en el barrio central de La Meca, Ajyad al-Masafi. Después de una balacera detonó una bomba, destruyendo el edificio de tres pisos e hiriendo a seis extranjeros que estaban practicando la umra (peregrinación menor) y a cinco policías. Dos de los heridos todavía se encuentran hospitalizados, mientras que los otros ya fueron dados de alta. En la misma jornada, un hombre buscado por ser militante islamista fue muerto por las fuerzas de seguridad; se escondía en el barrio al-Aseelha de la ciudad. Una tercera célula fue detenida en la ciudad de Yedá. Sobre esta última no se difundieron muchas noticias ni informaciones, aparte del arresto de cinco sospechosos militantes, incluida una mujer. No queda del todo claro quién planeó estos ataques. Sin embargo, en el pasado, ISIS ya había atacado en el reino saudita. En mayo del año pasado, las fuerzas de seguridad sauditas dispararon y asesinaron a dos presuntos combatientes del ISIS fuera de La Meca, mientras que otros dos se hicieron estallar. En julio del mismo año, cuatro agentes de seguridad fueron asesinados en un atentado suicida cerca de la Mezquita del Profeta en Medina. Algunos observadores albergan dudas sobre este ataque. Para ellos, parecieran ser hechos construidos a fin de aumentar la tensión entre Arabia Saudita, Qatar e Irán. Millones de musulmanes de todo el mundo se reunirán en La Meca para la finalización del Ramadán. Ayer, un gran número de fieles estaban reunidos en la Gran Mezquita para el último viernes del Ramadán.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



麦加:恐怖分子攻击大清真寺,沙特阿拉伯警方将其挫败袭击者引爆了一个装置,炸毁了他藏身之处。 11人受伤,无人员死亡。 当天,另外两个恐怖分子被拦截。 麦加的数百万穆斯林的严斋月结束。 一些观察者持怀疑态度。利雅得(亚洲新闻) - 恐怖分子企图对位于穆斯林最重要的城市麦加的大清真寺发动恐袭,被沙特安全部队挫败。 据内政部补充道,另有两个恐怖分子计划袭击信友和警察。昨天,一名自杀式炸弹袭击者在麦加中心的一个公寓被包围。 发生枪战之后,他引爆了一个设备,摧毁三层楼的建筑物,六名正在朝圣的外国人和五名警察受伤。 其中两名伤者仍在医院,其他伤者已经出院。当天,一名男子认为一个伊斯兰圣战者被安全部队杀害; 他一直藏在城市的阿塞勒哈区(al-Aseelha)。 另一名恐怖分子在吉达市被阻止。 除了逮捕了五名武装嫌疑人,其中包括一名妇女,还没有提供这方面的数据。目前尚不清楚谁是恐袭背后的支持者。 然而,伊斯兰国曾对沙特王国发动过恐袭。 去年五月,沙特阿拉伯安全部队在麦加城外开枪并杀害了两名据称的伊斯兰战士,其他两名自杀。 同年七月,在麦地那先知清真寺附近发生自杀式袭击事件,四名安全机构人员被杀。一些观察家对这次袭击持怀疑态度,并认为可能是为了制造阿拉伯与卡塔尔与伊朗之间的紧张关系而发动的。来自世界各地的数百万穆斯林在斋月结束时聚集在麦加。 昨天,严斋月的最后一个星期五,大清真寺聚集了大量信众。

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Mecca: Saudi police foil terrorist attack on the Great MosqueThe attacker detonated a device, collapsing the building where he was in hiding. No victim, but 11 people were injured. On the same day two other terrorist cells were stopped. Millions of Muslims at Mecca for the end of Ramadan. Some observers have doubts. Riyadh (AsiaNews / Agencies) - Saudi security forces have foiled an attempted attack on the Great Mosque of Mecca, the most important city for Muslims. The Interior Ministry reported the news, adding that two other terrorist cells were planning to target faithful and police. Yesterday, the suicide bomber was surrounded in an apartment in central Mecca, Ajyad al-Masafi. After a shootout, he detonated a devise, bringing the three-story building V and wounding six foreigners who were practicing the umra (minor pilgrimage) and five policemen. Two of the wounded are still in hospital, while others have already been discharged. On the same day, a man sought after because believed to be a militant Islamist was killed by security forces; he had been hiding in the city's al-Aseelha district. A third cell was stopped in the city of Jeddah. No information has been given about this, apart from the arrest of five militant suspects, including a woman. It is not yet clear who is behind these attacks. However, Isis had already hit the Saudi kingdom in the past. In May last year, the Saudi security forces had fired and killed two alleged Islamic fighters outside Mecca, while two others had blown themselves up. In July of that same year, four security agents had been killed by a suicide attack near the Prophet Mosque in Medina. Some observers have doubts about this attack and believe it may have been fabricated to increase the tension between Arabia and Qatar and Iran. Millions of Muslims from around the world gather in Mecca at the end of Ramadan. Yesterday, a large number of faithful were gathered in the Great Mosque for the last Friday of Ramadan.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba
 in my name UNIUS REI, amen alleluia
 [ JHWH holy holy holy ] io sono Colui che sono e che sempre sarò ] [ JHWH holy holy holy ] I am who I am and I will always be [ JHWH holy holy holy ] i am [ JHWH holy holy holy ] oh my Israel


 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Mecca: la polizia saudita sventa un attacco terrorista alla Grande moscheaL’attentatore si è fatto esplodere, facendo crollare l’edificio dove si era nascosto. Nessuna vittima, ma 11 persone sono rimaste ferite. Nella stessa giornata sono stati fermate altre due cellule terroristiche. Milioni di musulmani alla Mecca per la fine del Ramadan. I dubbi di alcuni osservatori. Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – Le forze di sicurezza saudite hanno sventato un attentato alla Grande Moschea della Mecca, la città più importante per la religione islamica. Il ministero degli interni ha riportato la notizia, aggiungendo che altre due cellule terroristiche stavano pianificando di colpire i fedeli e la polizia. Ieri, l’attentatore suicida è stato circondato in un appartamento nel quartiere centrale della Mecca, Ajyad al-Masafi. Dopo una sparatoria ha detonato la bomba, facendo crollare l’edificio di tre piani e ferendo sei stranieri che stavano praticando l’umra (pellegrinaggio minore) e cinque poliziotti. Due dei feriti sono ancora in ospedale, mentre gli altri sono già stati dimessi. Nella stessa giornata, un uomo ricercato perché militante islamista è stato ucciso dalle forze di sicurezza; si nascondeva nel quartiere al-Aseelha della città. Una terza cellula è stata fermata nella città di Jeddah. Su quest’ultima non sono state diffuse molte informazioni, oltre l’arresto di cinque sospetti militanti, inclusa una donna. Non è ancora chiaro chi abbia progettato questi attacchi. Tuttavia, l’Isis aveva già in passato colpito il regno saudita. Nel maggio dello scorso anno, le forze di sicurezza saudite avevano sparato ed ucciso due presunti combattenti dell’Isis fuori la Mecca, mentre altri due si erano fatti esplodere. Nel luglio dello stesso anno, quattro agenti di sicurezza erano stati uccisi da un attacco suicida vicino alla Moschea del Profeta a Medina. Alcuni osservatori hanno dubbi su questo attacco. A loro sembra un fatto costruito per accrescere la tensione fra l’Arabia e il Qatar e l’Iran. Milioni di musulmani da tutto il mondo si riuniscono alla Mecca per la fine del Ramadan. Ieri, un gran numero di fedeli erano raccolti nella Grande moschea per l’ultimo venerdì del Ramadan.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba20

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Pyongyang aplaude el éxito: el nuevo misil puede ser armado con cabezas nuclearesKim Jong-un, ha demostrado que sus cohetes pueden salir y volver a entrar en la atmósfera. El dictador sigue llevando a cabo sus pruebas aprovechando la distracción de Trump por el escándalo FBI y de Xi Jinping preso de un número de líderes de negocios a nivel mundial. Pyongyang (AsiaNews / Agencias) - Corea del Norte afirma que el misil probado el pasado 14 de mayo es un nuevo tipo de cohete balístico que puede ser armado con una gran ojiva nuclear. El misil, lanzado en el ángulo empinado, alcanzó una altitud de 2 mil kilómetros de altura y ha recorrido más de 700 kilómetros antes de acabar en el oeste del Mar de Japón. Según la agencia surcoreana Yonhap, se debe tomar nota de que los misiles del Norte parecen ser capaces de salir y luego volver a entrar en la atmósfera: un paso crucial para el desarrollo de misiles balísticos intercontinentales (ICBM). El episodio que se inserta en la serie de pruebas repetidas en violación de las normas de la ONU y provocó la alarma internacional, aumentó las tensiones con Estados Unidos. EEUU y Japón han pedido una reunión de emergencia del Consejo de Seguridad de la ONU mañana. El ICBM tiene un alcance de unos 6 mil kilómetros mientras que los analistas creen que el misil probado ayer viajaría alrededor de 4 mil kilómetros de distancia si le hubiera disparado en una trayectoria estándar en lugar de hacia arriba. La prueba fue supervisada por el líder supremo de Corea del Norte, Kim Jong-un. A los técnicos dijo que no se sentía "encantado", pero seguir avanzando hasta que los EE. UU. no hagan la "decisión correcta". La Casa Blanca dijo en un comunicado que este "último desafío" debe "servir como un llamado a todas las naciones para llevar a cabo sanciones mucho más fuertes. "El presidente electo de Corea del Sur, Moon Jae-in, que busca el diálogo con el Norte, dijo que era una "provocación imprudente", mientras que China, el único verdadero aliado de Corea del Norte, está instando al calma. El gobierno japonés dijo que el misil estaba fuera de control durante aproximadamente media hora antes de caer en el mar. Para Japón, sin embargo, las pruebas confirmaron la fiabilidad del nuevo motor de misiles y verificado las características de reentrada en la atmósfera y el rendimiento exacto de su sistema de detonación. El mismo informe japonés dice que Corea del Norte es una "potencia nuclear digna de ese nombre. "John Schilling, ingeniero, en su análisis publicado en el sitio web 38 del instituto Estados Unidos-Corea de la Universidad Johns Hopkins, dijo que la prueba muestra un "nivel de rendimiento nunca antes visto en un misil de Corea del Norte". Sun Xingjie, especialista chino de Asuntos coreanos en la Universidad de Jilin, dijo que el de Kim "es un momento perfecto. " La principal prioridad del presidente de China, Xi Jinping, en estos días es aumentar globalmente sus estrategias de negocios en una serie de cumbres internacionales que se celebran en Pekín, mientras que el presidente estadounidense Donald Trump está ocupado en el escándalo del FBI. En resumen, "nadie ha estado observando a Kim", dijo Sun. "Si otros países no actúan en concierto, Corea del Norte es probable que continúe utilizando esta táctica, pretendiendo hablar mientras ejecuta sus pruebas" concluyó.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba20

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



平壤欢呼试射成功:新导弹可能带核弹头金正恩尝试其可达大气层并回收的导弹。独裁者利用特朗普深陷联邦调查局丑闻、习近平展开系列世界级贸易峰会之际继续试射平壤(亚洲新闻/通讯社)—北朝鲜宣称昨天五月十四日试射的是可以携带大型核弹头的新型导弹。这枚型号不明的弹道导弹是在平安北道龟城一带发射的、飞行约七百公里、到达高度逾两千公里,然后落入了距朝鲜东岸约四百公里的日本海海域。韩国通讯社报道,鉴于北朝鲜导弹有能力进入大气层并回收,应采取行动。 这是平壤政府违反联合国制裁的系列挑衅行径之一、激起了国际社会的强烈愤慨、进一步加剧了与美国的紧张关系。华盛顿和东京要求联合国安理会于明天召开紧急会议。 分析认为,北朝鲜拥有射程大约六千公里的导弹。昨天试射的如果是按照标准轨迹发射而不是向着高空,那么射程大约四千公里。 北朝鲜领导人金正恩亲自监督,并叮嘱技术人员不要“骄傲”,而应取得更大的进步直到美国不会做出“错误的选择”。 白宫发表声明指出这是“最新的挑衅行径”,应有助于“呼吁各国对其采取进一步的严厉制裁措施”。 正努力与平壤恢复对话的韩国新总统文在寅表示,“这是草率的挑衅行径”。而北朝鲜的唯一盟友中国继续敦促各界保持冷静。日本政府发言人称导弹在时空大约半小时后落入海中。总之,对日本而言试射证实了导弹发动机的可信度、足以进入大气层并返回;说明北朝鲜是“实实在在的核大国”。 中国吉林大学朝鲜事务专家孙静杰表示,金正恩太会抓时机了。近日,中国国家主席习近平的首要任务是主持世界级的一带一路峰会;特朗普被联邦调查局丑闻缠身。“没人看着金正恩”,“如果其它国家不采取集体行动,北朝鲜很可能继续利用这种方式,假装对话的同时继续其试射”。

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba20

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Pyongyang extols success of new missile capable of carrying a nuclear warheadKim Jong-un shows that his rockets can leave and re-enter the atmosphere. The dictator continues to carry out his tests taking advantage of Trump's distraction with the FBI scandal and Xi Jinping’s world trade summits. Pyongyang (AsiaNews/Agencies) – North Korea claimed that the missile it tested yesterday was a new type of rocket capable of carrying a large nuclear warhead. The missile, launched at a steep angle, reached an altitude of 2,000 kilometres and travelled about 700 kilometres, landing in the sea west of Japan. North Korea’s missile appears able of leaving and re-entering the atmosphere, which is crucial to developing intercontinental ballistic missiles (ICBMs), South Korea’s Yonhap news agency reported. However, repeated missile tests by Pyongyang this year have sparked international alarm and raised tensions with the US. The US and Japan have called for an emergency meeting of the UN Security Council on Tuesday. ICBM's are considered to have a range of about 6,000 kilometres, but analysts believe the missile tested on Sunday can travel about 4,000 kilometres if fired at a standard trajectory rather than upwards. Reports indicate that North Korea's top leader Kim Jong-un oversaw the test, noting that he told the scientists and technicians involved "not to be complacent" but to build further "nuclear weapons and methods of delivery" until the US made "the right choice". In a statement, the White House said that the “latest provocation" should "serve as a call for all nations to implement far stronger sanctions". South Korea’s newly elected president Moon Jae-in, who is open to dialogue with the North, said it was a "reckless provocation", whilst China, North Korea’s only real ally, is urging restraint. In a report, the Japanese government said the missile is thought to have flown for about half an hour bef

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia

lling into the sea. For Tokyo, the test reconfirmed the reliability of the new missile’s engine and verified the homing feature of a warhead at the time of atmospheric re-entry and accurate performance of its detonation system, the report said. Thus, North Korea is a “nuclear power worthy of the name”. John Schilling, an engineer who specialises in rockets, said the test shows a “level of performance never before seen from a North Korean missile. ”Sun Xingjie, a Korean affairs specialist at Jilin University, said that “it is actually perfect timing” for Kim. Chinese President Xi Jinping's main priority these days is to revitalise China’s trading strategies at a number of international meetings in Beijing, whilst US President Donald Trump is occupied with the FBI scandal. In short, " nobody has kept an eye on Kim,” Sun said. “If the other countries fail to act in concert, North Korea will probably keep using this tactic, pretending to be talking while carrying out more tests. ”

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba20

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Pyongyang applaude al successo: il nuovo missile può essere armato con testata nucleareKim Jong-un ha provato che i suoi razzi possono lasciare e rientrare nell’atmosfera. I dittatore continua a svolgere i suoi test approfittando della distrazione di Trump per lo scandalo Fbi e di Xi Jinping preso da una serie di vertici commerciali a livello mondialePyongyang (AsiaNews/Agenzie) - La Corea del Nord sostiene che il missile testato ieri 14 maggio è un nuovo tipo di razzo balistico che può essere armato con testata nucleare di grandi dimensioni. Il missile, lanciato ad angolo ripido, ha raggiunto un'altitudine di 2mila chilometri di altezza e ha percorso oltre 700 chilometri prima di finire in mare ad Ovest del Giappone. Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap, occorre prendere atto che i missili del Nord sembrano essere in grado di lasciare e poi rientrare nell'atmosfera: un passaggio cruciale per lo sviluppo di missili balistici intercontinentali (Icbm). L'episodio che va ad inserirsi nella serie ripetuta di test in violazione delle regole delle Nazioni Unite ed ha suscitato l'allarme internazionale e sollevato tensioni con gli Stati Uniti. Usa e Giappone hanno chiesto una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per domani. Le Icbm hanno un raggio di circa 6mila chilometri, mentre gli analisti ritengono che il missile testato ieri avrebbe viaggiato circa 4mila chilometri di distanza se fosse stato sparato a una traiettoria standard piuttosto che verso l'alto. Il test è stato supervisionato dal leader supremo del Nord, Kim Jong-un. Ai tecnici avrebbe detto di non sentirsi “compiaciuti”, ma di svolgere ulteriori progressi finché gli Stati Uniti non faranno la “scelta giusta”La Casa Bianca in una dichiarazione ha detto che questa "ultima provocazione" dovrebbe "servire come un appello per tutte le nazioni a realizzare sanzioni molto più forti". Il presidente neo eletto della Corea del Sud, Moon Jae-in, che sta cercando il dialogo con il Nord, ha dichiarato che è stata una "provocazione sconsiderata" mentre la Cina, l'unica vera alleata della Corea del Nord, sta sollecitando la calma. Il governo giapponese ha dichiarato che il missile è stato fuori controllo per circa mezz'ora prima di cadere in mare. Per il Giappone comunque il test avrebbe confermato l'affidabilità del nuovo Il motore dei missili e ha verificato la caratteristica del rientro atmosferico e delle prestazioni esatte del suo sistema di detonazione. Lo stesso rapporto giapponese sostiene che la Corea del Nord è un "potere nucleare degno del nome”. John Schilling, ingegnere, nella sua analisi pubblicata sul sito Web 38 dell'Istituto Usa-Corea della Johns Hopkins University, ha detto che il test mostra un "livello di prestazioni mai visto prima da un missile nordcoreano". Sun Xingjie, specialista cinese di affari coreani dell'Università di Jilin, ha affermato che quella di Kim “è una tempistica perfetta”. La priorità principale del presidente cinese Xi Jinping in questi giorni è quella di rilanciare a livello mondiale le sue strategie commerciali in una serie di vertici internazionali che si tengono a Pechino, mentre il presidente americano Donald Trump è occupato nello scandalo Fbi. Insomma, “nessuno ha tenuto d'occhio Kim ", ha detto Sun. "Se gli altri Paesi non riescono ad agire in concerto, la Corea del Nord probabilmente continuerà a utilizzare questa tattica, facendo finta di parlare mentre esegue i suoi test", ha concluso.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba20

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



朝鲜南北对话显示平壤的绝望Joseph Yun Li-sun今天,朝鲜半岛南北军事对话在非军事区板门店举行。主要探讨高级军事会谈的级别、性质和议题。亚洲新闻通讯社通讯员表示,“平壤已濒临崩溃边缘。我们担心三金将发起另一轮暴力”板门店(亚洲新闻)—今天,朝鲜半岛南北方军事对话在非军事区板门店举行。但亚洲新闻通讯社驻北朝鲜通讯员表示,“双方只不过借此拖延时间罢了。首尔不愿意真正面对一场与平壤的战争、而平壤呢如果要想重新得到中国的庇护就必须作出一些理性的表示。诚然,北朝鲜的局势仍然掌握在金正日的手中。几个月前指定的接班人金正银显得鲁莽了些,所以其父要避免其再作出草率的行动”。韩国和朝鲜的大校级军官在板门店举行了会谈,持续时间不到一小时。这是自去年十一月在争议海域冲突后,双方首次接触。韩国国防部发言人表示,这是自去年十一月延坪岛遭轰炸导致半岛局势紧张后双方第一次进行对话。南北大校级军官讨论了高级军事会谈的级别、性质和议题。同时,国防部发言人还表示,只要北方不正式道歉、不采取必要措施,也就不可能达成任何协议。亚洲新闻通讯社通讯员表示,“所谓必要措施是要金正银推出。因为,韩国认为他才是双方军事冲突的真正导演。平壤已濒临崩溃边缘,我们担心三金丧失理智再次发起新一轮暴力”

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba20

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



KOREA Intra-Korean talks, a sign of Pyongyang’s desperationJoseph Yun Li-sunColonels from the two sides meet today in the demilitarised zone to prepare a ministerial level meeting. A source tells AsiaNews, “Pyongyang is on the brink of collapse. We are afraid the ‘Third Kim’ will impose himself with violence. ”Panmunjom (AsiaNews) – Military talks between the two Koreas, which started up today in the demilitarised zone, “are a pretext to gain time. Seoul does not want to fight a war with Pyongyang, which has to show signs that is reasonable if it wants to get back into the good graces of China,” a North Korean source told AsiaNews on condition of anonymity for security reasons. “What is certain is that the initiative comes from Kim Jong-il. The heir has rushed into things, and the father wants to avoid other incidents. ”Talks between colonels from the two sides took place in two separate sessions at Panmunjom’s Peace House. The first one lasted less than hour. Nothing is known about the second. Kim Min-seok, a spokesperson for South Korea’s Defence Ministry, the delegations met for the first time after months of tensions following the 23 November incident in which North Korean artillery shelled Yeonpyeong Island, killing four people, including two civilians. The colonels discussed details like place, date and agenda of higher-level talks, for a possible meeting between defence ministers. Defence Ministry sources in Seoul made it clear however that no deal would be reached without apologies and appropriate measures by Pyongyang for the shelling on Yeonpyeong and the sinking blamed on North Korea in March 2010 of the ROKS Cheonan, which killed 46 sailors. The source told AsiaNews that “appropriate measures should be shown. They include sending away North Korea’s heir Kim Jong-un, who is thought to have pushed for the two military attacks that raised tensions between the two Koreas. North korea is in a desperate situation and cannot avoid cutting a deal. The fear however is that the ‘Third Kim’ might not hear reason and try instead to impose his rule by force.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba20

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Gli incontri fra le due Coree, un segno della disperazione di PyongyangJoseph Yun Li-sunI colonnelli dei due eserciti si sono incontrati oggi nella zona demilitarizzata per mettere a punto un incontro a livello ministeriale. Una fonte dice ad AsiaNews: “Pyongyang è sull’orlo del collasso, abbiamo paura che il ‘terzo Kim’ voglia imporsi con altra violenza”. Panmunjom (AsiaNews) – I dialoghi militari fra le due Coree, ripresi oggi nella zona demilitarizzata che separa i Paesi, “sono soltanto un modo per prendere tempo, utile a entrambe le parti. Seoul non vuole trovarsi costretta a fare veramente la guerra a Pyongyang, che a sua volta deve dare segnali di ragionevolezza se vuole tornare nelle grazie della Cina. Quel che è certo è che l’iniziativa è saldamente in mano a Kim Jong-il: il suo erede, Jong-un, è stato avventato nei mesi scorsi e il padre vuole evitare altri exploit”. È il commento rilasciato oggi ad AsiaNews da una fonte nordcoreana, anonima per motivi di sicurezza. I colloqui militari “tra i colonnelli dei due eserciti” si sono sviluppati in due differenti sessioni alla “Peace House” di Panmunjom: la prima è durata poco meno di un’ora, mentre della seconda non si hanno ancora notizie. Secondo Kim Min-seok, portavoce del ministero della Difesa sudcoreano, le delegazioni hanno avuto un primo contatto dopo mesi di forti tensioni con l’ultimo episodio del 23 novembre scorso, in cui l’artiglieria di Pyongyang ha bombardato l’isola di Yeonpyeong causando quattro vittime, di cui due civili. Il confronto “tra colonnelli” ha lo scopo di finalizzare gli elementi come luogo, data e agenda di discussione per i faccia a faccia di alto livello, possibilmente tra ministri della difesa. Nel frattempo, il ministero della Difesa sudcoreano ha messo in chiaro che non ci sarebbe stato alcun accordo senza scuse e “misure appropriate” di Pyongyang per gli eventi di Yeonpyeong e per il siluramento (attribuito al Nord) della corvetta Cheonan dello scorso marzo, costato la vita a 46 marinai. Secondo la fonte di AsiaNews, “le misure appropriate sono pronte per essere mostrate. Si tratta in pratica di allontanare dal tavolo dei colloqui il delfino Kim Jong-un, considerato l’ispiratore dei due attacchi militari che hanno innalzato la tensione fra i Paesi in maniera enorme. La Corea del Nord è in una situazione disperata e non può che scendere a patti: il timore, però, è che il ‘Terzo Kim’ non ascolti ragioni e voglia imporsi con la violenza”.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba20

 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



COREA DEL NORTEPyongyang lanza otro misil en el Mar de JapónDuras reacciones de Corea del Sur, Japón y Estados Unidos. El test apunta a debilitar la voluntad de diálogo inter-coreano del presidente Moon Jae-in. Y representa una provocación acabando de concluirse el G7 en Italia, cuyos países piden a Pyongyang su inmediato desarme. Seúl (AsiaNews) – Esta mañana, Corea del Norte lanzó al menos un misil balístico de corto alcance desde la costa oriental. La noticia fue difundida por el ejército del Corea del Sur. El misil fue lanzado en dirección al Este en las inmediaciones de Wonsan, provincia de Gangwon, a las 5:39. “La distancia recorrida fue de aproximadamente 450 kilómetros”, declaró el coronel del ejército Roh Jae-cheon, vocero del Estado mayor del ejército del Sur. Japón ha confirmado que el misil cayó en sus aguas territoriales, y no excluyó que Corea del Norte pueda haber disparado más misiles en esta misma dirección. El presidente Moon Jae-in convocó de inmediato al Consejo de seguridad nacional, que, al término de una reunión, difundió un mensaje de advertencia: “los actos provocadores continuos de Corea del Norte únicamente aceleran su aislamiento y provocan fuertes reacciones de nuestros militares y de la comunidad internacional”. El Ministerio de Relaciones Exteriores de Seúl difundió un comunicado en el cual dice que “el gobierno no tolera ningún tipo de provocación y habrá una dura reacción”. “El Norte debiera interrumpir inmediatamente todas las provocaciones y tomar el camino de la desnuclearización lo más rápidamente posible”, se sigue leyendo en el mismo. El comando de defensa aeroespacial norteamericana (NORAD), con base en Hawaii, considera que el lanzamiento no constituye una amenaza para América del Norte”. El Comando de los EEUU del Pacífico garantizó su compromiso por la seguridad de los aliados en la República de Corea y en Japón. Un funcionario de la Casa Blanca ha declarado que el presidente de los EEUU Donald Trump también fue informado acerca de la provocación del Norte. “Este lanzamiento de misiles balísticos por parte de Corea del Norte es extremadamente problemático para la seguridad del transporte aéreo y es una clara violación a las resoluciones del Consejo de seguridad de las Naciones Unidas” declaró el secretario del gobierno japonés Yoshihide Suga. El misil en cuestión es de tipo SCUD, funciona a combustible líquido y tiene un alcance que va de 300 a 500 kilómetros. Pero estaría en fase de desarrollo una variante llamada SCUD-ER (gamma extendida), que estaría en grado de recorrer miles de kilómetros. Esto significaría que Japón está realmente a su alcance. El primer ministro de Japón, Shinzo Abe, ha prometido actuar junto a las otras naciones para desalentar las reiteradas provocaciones de Pyongyang. "Como hemos concordado en el reciente G7, la cuestión de Corea del Norte es una prioridad absoluta para la comunidad internacional”, explicó. La semana pasada, el Ministerio de la Unificación de Corea del Sur había anunciado que tenía intenciones de contactar al Norte para aprovisionarse de mosquiteros y repelentes de insectos. Una jugada que de alguna manera refleja la voluntad de la administración de Moon de reabrir el diálogo con Pyonyang, a pensar de las crecientes tensiones militares. "El gobierno responderá fuertemente a todas las provocaciones norcoreanas, pero al mismo tiempo estamos buscando el modo de permitir intercambios humanitarios y civiles sin comprometer por ello la validez de las sanciones internacionales”, declaró el funcionario del ministerio la semana pasada. Luego del G7 en Italia, durante el fin de semana, los líderes del grupo han constatado que Corea del Norte “siempre y cada vez más, plantea niveles de amenaza de grave índole para la paz y la estabilidad internacionales”- Ellos invitan al Norte a “respetar inmediatamente y plenamente todas las resoluciones del Consejo de seguridad de la ONU, y a abandonar por completo todos los programas misilísticos nucleares y balísticos, de un modo verificable e irreversible”. Pero Corea del Norte ha desafiado una y otra vez las resoluciones de las Naciones Unidas que vedan la actividad nuclear y misilística, y ha intensificado sus ensayos en los últimos meses. Pyongyang afirma que su programa de armamento es necesario para contrastar la agresión estadounidense. Corea del Norte tiene una gran provisión de misiles de corto alcance, originariamente desarrollados por la Unión Soviética. El secretario de la cartera de Defensa americana, Jim Mattis, dijo que el conflicto militar con Corea del Norte, de fracasar la diplomacia, sería el peor jamás visto: “El régimen norcoreano tiene cientos de cañones de artillería y lanzagranadas dentro de una de las ciudades más densamente pobladas de la Tierra, que es la capital de Corea del Sur”.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba



 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



平壤再次向日本海发射导弹韩国、日本和美国强硬回应。试射旨在削弱文在寅总统积极促成朝鲜半岛内部对话的意愿。是对刚刚在意大利闭幕的七国集团首脑会议的挑衅,峰会要求平壤立即缴械首尔(亚洲新闻/通讯社)—今天清晨,北朝鲜向东海岸试射了至少一枚短程弹道导弹。韩国军方报道了这则消息。今天当地时间凌晨五点三十九分,平壤在平安南道北昌一带向北试射了疑似一枚弹道导弹。韩国国防部卢载千上校表示,“射程大约四百五十公里”。日本证实了导弹落入其领海、不排除北朝鲜可能在最后一次挑衅中发射了多枚导弹。 文在寅总统立即召集了国家安全会议,并在会后发出警告,指出“北朝鲜继续挑衅性行径只能加剧其孤立、招致我们和国际社会的强烈军事反应”。 首尔外交部发表的新闻公报中表示,“政府不会宽容任何挑衅性行径、将会采取严厉的反应”。“北朝鲜应该立即停止所有挑衅、迅速走去核的道路”。 总部在夏威夷的北美航天航空防御指挥部表示,这次试射并不能对北美构成威胁。美国太平洋司令部保证将会确保其盟友大韩民国和日本的安全。 白宫发言人称特朗普总统已经被告知了北朝鲜的挑衅。日本内阁官房长官则指“这次北朝鲜试射导弹对航空安全构成了极大的问题、是明显地违反了联合国安理会决议”。 日本总理安倍晋三表示将会联合其它国家打击平壤不断的挑衅。“正如刚刚在七国集团首脑峰会上达成的协议,北朝鲜问题是国际社会的绝对首要问题”。 上周,韩国统一部部长曾表示愿意与北方进行接触,提供蚊帐和驱蚊器等。此举,再次表明了文在寅总统新政府要重新开启与平壤对话的意愿。尽管军事紧张气氛不断升级。 上周,统一部官员还表示“政府会强烈回应北朝鲜的挑衅。但同时,我们正在寻求不违反国际制裁的前提下,提供人道主义和民事交流的方式”。 七国集团峰会中,西方强国领导人指北朝鲜“对国际和平与稳定的威胁不断升级”。邀请北朝鲜“立即完全遵守联合国安理会的所有决议;完全彻底地放弃核导弹和战争计划”。 但是,北朝鲜不断挑衅联合国禁止其进行核活动和导弹试验决议。并宣称其军备计划是抵制美国侵略必不可少的。北朝鲜拥有大批苏制导弹。美国国防部长吉米·玛蒂斯表示,如果外交努力失败,将会出现前所有未有的糟糕局面,“平壤独裁政府数百发火炮和榴弹发射器对着世界上人口密度最大的城市,也就是首尔”。

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba



 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



China claims Kim Jong-il "wants to return to disarmament talks"The North Korean leader will resume talks "if the US eases the pressure", according to a South Korean newspaper citing Chinese diplomatic sources. Yesterday, the dictator met Chinese envoy Tang Jiaxuan, who delivered a personal message from President Hu Jintao. 09/11/2006 SOUTH KOREA – NORTH KOREAEx Pyongyang leader: Only Kim's downfall will stop nuclear crisisHwang Jang-yop, one time mentor of Pyongyang's Dear Leader and ex-secretary of the Workers' Party of North Korea, told Seoul MPs that only Chinese cooperation could bring about the fall of the regime. He also slammed the "sunshine policy". 02/11/2006 north korea – south koreaPyongyang to resume talks but on its own termsIn exchange for resuming talks, Kim Jong-il's Stalinist regime expects US sanctions to be lifted and humanitarian aid to start flowing again. International community stresses that is not likely. 19/10/2006 NORTH KOREA – SOUTH KOREASeoul says Pyongyang will launch more nuclear tests soonA South Korean MP, member of the Intelligence Committee of Seoul's Parliament, confirmed that clues coming from several countries indicate that another three or four nuclear tests are being prepared. Meanwhile, Kim Jong-il reappeared in public. 26/11/2008 KOREAIntellectuals and Christian leaders appeal for dialogue between two KoreasThey express their hope for an end to the tensions, and a return to the negotiating table with the North. The South Korean government reiterates that the nuclear question comes before any economic agreement, and fears total closure of the industrial complex of Kaesong, the last tiny area of cooperation. Pyongyang is publishing new photos of Kim Jong-Il, without specifying the date on which they were taken

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba



 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Another Pyongyang missile crashes into Sea of JapanStrong reactions from South Korea, Japan and the United States. The test aims to undermine the President Moon Jae-in’s push for inter-Korean dialogue. And it is a provocation to the G7's conclusions in Italy demanding Pyongyang’s immediate disarmament. Seoul (AsiaNews) - This morning North Korea launched a short ballistic missile from its east coast according to South Korean military intelligence. The missile was launched eastward near Wonsan, Gangwon province, at 5. 39 am. "The flight distance is about 450 kilometers," said Army spokesperson Colonel Roh Jae-cheon. Japan confirmed that the missile fell in its territorial waters and Did not rule out that North Korea fired more missiles in its latest provocation. President Moon Jae-in has convened the National Security Council who sent out a warning: "Continued provocative acts of North Korea only accelerate its isolation and provoke the strong reactions of our military and International community ". The Seoul Foreign Ministry issued a statement saying that "the government does not tolerate any kind of provocation and will have a tough reaction". "The North should immediately stop all provocations and choose the path of denuclearization as quickly as possible," he says. The North American aerospace defense (Norad) based in Hawaii believes that these launches are not a threat to North America. " The US Pacific Command has secured its commitment to security with allies in the Republic of Korea and Japan. A White House official said US President Donald Trump was also informed of the North's provocation. "This launch of ballistic missiles by North Korea is extremely problematic for air transport security and is a clear violation of United Nations Security Council resolutions," said Japanese government secretary Yoshihide Suga. The missile in question is Scud type, with liquid fuel and a range from 300 to 500 kilometers. But a variation, called Scud-ER (extended range), is being developed, capable of traveling up to a thousand kilometers. That would mean that Japan is in its reach. The Prime Minister of Japan Shinzo Abe has promised to act with other nations to discourage repeated Pyongyang provocations. "As we agreed in the recent G7, the question of North Korea is a top priority for the international community," he explained. Last week, the South Korean Unification Ministry announced that it wanted to contact the North to supply mosquito nets and insect repellents. A move considered a reflection of Moon's will to reopen dialogue with Pyongyang despite the increased military tensions. "The government will respond strongly to all North Korean provocations, but at the same time we are looking for ways to allow humanitarian and civilian exchanges without compromising the validity of international sanctions," a ministry official said last week. After the G7 in Italy this weekend, group leaders found that North Korea "always poses new levels of serious threat to peace and international stability. " They have called on the North to "immediately and fully comply with all UN Security Council resolutions, and to abandon all nuclear, ballistic missile programs in a complete, verifiable and irreversible manner. "But North Korea has repeatedly challenged United Nations resolutions banning nuclear and missile activity and has intensified its tests in recent months. Pyongyang says it sweapons program is needed to counteract US aggression. North Korea has a large stock of short-range missiles originally developed by the Soviet Union. US Secretary of Defense Jim Mattis said that the military conflict with North Korea, if diplomacy failed, would be the worst ever seen: "The North Korean regime has hundreds of artillery guns and grenades pointed in one of the most densely populated cities on Earth, which is the capital of South Korea.

SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba



 Human sacrifice 666 Cremation of Care

 Satana LGBTI Hell Allah 322 CIA UK Ja Bull ON: burn in JESUS's name! ] nessuno mi potrà rimproverare: " io li avevo avvisati" burn in JESUS's name! amen alleluia! drink your poison made by yourself!

amen,

 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF



 burn Satana: in Jesus's name! amen alleluia



Pyongyang lancia un altro missile nel mar del GiapponeDure reazioni di Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti. Il test mira a indebolire la volontà di dialogo intercoreano del presidente Moon Jae-in. E rappresenta una provocazione alle conclusioni del G7 in Italia che chiedono a Pyongyang l'immediato disarmo. Seoul (AsiaNews) - Questa mattina la Corea del Nord ha lanciato almeno un missile balistico a corto raggio dalla sua costa orientale. La notizia è stata diffusa dall’esercito della Corea del Sud. Il missile è stato lanciato verso Est nei pressi di Wonsan, provincia di Gangwon, alle 5. 39. "La distanza di volo è di circa 450 chilometri", ha dichiarato il ​​colonnello dell'esercito Roh Jae-cheon, portavoce dello Stato maggiore dell’esercito del Sud. Il Giappone ha confermato che il missile è caduto nelle sue acque territoriali e non ha escluso che la Corea del Nord possa aver sparato più missili in questa sua ultima provocazione. Il presidente Moon Jae-in ha subito convocato il Consiglio di sicurezza nazionale che al termine della riunione ha diffuso un messaggio di avvertimento: "Gli atti provocatori continui della Corea del Nord accelerano soltanto il suo isolamento e provocano le forti reazioni dei nostri militari e della comunità internazionale”. Il Ministero degli esteri di Seoul ha diffuso un proprio comunicato in cui dice che “il governo non tollera alcun tipo di provocazione e avrà una dura reazione”. "Il Nord dovrebbe interrompere immediatamente tutte le provocazioni e passare al percorso di denuclearizzazione il più rapidamente possibile", si legge ancora. Il comando della difesa aerospaziale nordamericana (Norad) con base alle Hawaii ritiene che il lancio non costituisca una minaccia per l'America del Nord”. Il Comando Usa del Pacifico ha garantito il proprio impegno per la sicurezza degli alleati nella Repubblica di Corea e in Giappone. Un funzionario della Casa Bianca ha dichiarato che il presidente Usa Donald Trump è stato anche informato sulla provocazione del Nord. "Questo lancio di missili balistici da parte della Corea del Nord è estremamente problematico per la sicurezza del trasporto aereo ed è una chiara violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite", ha dichiarato il segretario del governo giapponese Yoshihide Suga. Il missile in questione è di tipo Scud, a combustibile liquido ed ha una portata fra i 300 e i 500 chilometri. Ma sarebbe in fase di sviluppo una variante, chiamata Scud-ER (gamma estesa), in grado di viaggiare fino a mille chilometri. Ciò significherebbe che il Giappone è alla sua portata. Il primo ministro del Giappone Shinzo Abe ha promesso di agire insieme ad altre nazioni per scoraggiare le ripetute provocazioni di Pyongyang. "Come abbiamo concordato nel recente G7, la questione della Corea del Nord è una priorità assoluta per la comunità internazionale ", ha spiegato. La settimana scorsa il Ministero dell'Unificazione della Corea del Sud aveva annunciato di voler contattare il Nord per la fornitura di zanzariere e repellenti per insetti. Una mossa considerata come il riflesso della volontà dell'amministrazione di Moon di riaprire il dialogo con il Pyongyang, nonostante le aumentate tensioni militari. "Il governo risponderà fortemente a tutte le provocazioni nordcoreane, ma al tempo stesso stiamo cercando il modo di consentire scambi umanitari e civili senza compromettere la validità delle sanzioni internazionali", ha dichiarato un funzionario del ministero la scorsa settimana. Dopo il G7 in Italia nel fine settimana, i leader del gruppo hanno accertato che la Corea del Nord "pone sempre nuovi livelli di minaccia di grave natura alla pace e alla stabilità internazionali". Essi hanno invitato il Nord a "rispettare immediatamente e pienamente tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza Onu, e ad abbandonare tutti i programmi missilistici nucleari e balistici in modo completo, verificabile e irreversibile". Ma la Corea del Nord ha ripetutamente sfidato le risoluzioni delle Nazioni Unite che vietano l'attività nucleare e missilistica e ha intensificato i suoi test negli ultimi mesi. Pyongyang afferma che il suo programma di armi è necessario per contrastare l'aggressione statunitense. La Corea del Nord ha una grande scorta dei missili a corto raggio, originariamente sviluppati dall'Unione Sovietica. Il segretario alla Difesa americano Jim Mattis ha detto che il conflitto militare con la Corea del Nord, se la diplomazia fallisse, sarebbe il peggiore mai visto: "Il regime nordcoreano ha centinaia di cannoni d'artiglieria e lanciagranate all'interno di una delle città più densamente popolate della Terra, che è la capitale della Corea del Sud".





================

Compilo la stringa per la ricerca: Charlie Gard: HANNO UCCISO L'UOMO RAGNO, CHI DARWIN LA SCIMMIA SIA STATO? NON SI SA! l’ultimo articolo è del 27. “La famiglia perde la causa”. Sentenza definitiva. Charlie non ha alcuna speranza e sottoporlo a nuove cure aumenterebbe la sua sofferenza.



Malattia rarissima, esito infausto. Ce lo vengono a dire loro, capisci? Come non sapessimo il poco che finora ha potuto dire la medicina sulla malattia del nostro bambino! Che poi è proprio questo, amore mio, che ci atterrisce e fa esplodere dentro i nostri cuori una rabbia mai provata prima: tu sei il nostro bambino, sei stato affidato a noi. Dalla vita, da Dio, dal Destino, poco importa. Sei nostro ma non come è nostro un cane o un peluche, accidenti! Dobbiamo spiegare tutto daccapo a questa gente…



Va bene mi calmo; vieni qua dalla mamma. Sì lo so è la mamma che viene da te, ti vengo vicina. Le attrezzature che ti fanno respirare fanno un rumore continuo che ormai non mi disturba più. Anzi mi conciliano il sonno. Ho sonno Charlie. Sono stanca, sai? Non di te! Provare questo dolore così grande e ingovernabile per così tanto tempo mi sta vincendo. Il papà resiste. Però forse quando è solo con te si concede dei singhiozzi che al mio fianco crede di dover omettere. Potrebbe piangere pure lui sai e non perderebbe nemmeno un grammo di virilità o coraggio. Ha pianto quando sei nato. E mi è sembrato un vero uomo!



Loro hanno deciso che soffriresti troppo a continuare a stare in vita così. Ma io dico, se pensano che sia tu a non dover soffrire chi ci sarà a non soffrire, a stare meglio se uccidendoti pensano di eliminarti, di renderti nulla? Non regge nemmeno nell’impietoso mondo della logica…



E così ci dicono che in fondo loro sono più buoni di noi perché pensano a te, al tuo vero bene. Mentre noi siamo egoisti.



Ma certo che siamo egoisti! Noi vogliamo te per noi. Perché godiamo profondamente della tua presenza. Non importa se l’azzurro terso di gioia che è la tua piccola silente vita è tutto screziato di nero angoscia e bianco lacrime e rosso sangue. Che ne sanno loro di questo? Eppure la vita non sarà stata così crudele con loro. Avrà pure regalato ad ognuno almeno una zia anziana e malata. Un cuginetto morto in tenera età, una vicina che regalava loro torte e biscotti e poi è stata colpita da ictus. Non saranno andati a trovarla lo stesso? Non avranno intuito cosa c’è sotto?



I filantropi, i buoni, i garanti della bontà equamente distribuita, gli araldi della qualità della vita non si ricordano più quale sia la vera, l’unica decisiva qualità della vita.



Quella della inutilità. La vita non deve essere utile.



La vita deve cantare. La vita esiste solo nelle facce, nei nasini, nelle mani cicciottine, negli avambracci abbronzati. Nei polsi delle ragazzine che si riempiono di braccialetti in estate Esiste nei piedi ritorti e ossuti di un vecchio diventato demente, con gli occhi velati e sporchi di cataratta. Esiste e serpeggia tra me e tuo papà che ci attiriamo fisicamente con una forza irresistibile, anche adesso che siamo mamma e papà e pensiamo sempre a te.



La vita non ha altre qualità se non quella di esserci per spaventarci, per farci tremare al ratto pensiero che siamo precipitati in questo mondo. Così bello, così sensato, così pieno di profumi, acque, fili d’erba fiori frutti. E così brutalizzato dalla violenza, dal disordine, dagli scoppi, i tagli, le bombe. Così sprecato in stupidi passatempi. Ché il tempo non viene a noi per passare e basta, viene per portarci altrove, viene per portarci altrui. Me lo sento.



Charlie, piccino, ho nuovi pigiami da farti mettere! Ne ho trovato uno giallo. Non mi è mai piaciuto il giallo questo invece sì. È fatto di ciniglia, è un po’ pesante ma qui in ospedale l’aria è fresca. Te lo metterò perché mi ricorderai un pulcino, un pulcino tutto gonfio di piumette leggere e morbide. Sì, sì, caro mio, ti farò altre foto. No, non le metterò sui social, quelle no.



Charlie lo sai quanto ti amo, lo sai che sono cieca e io le palpebre le posso alzare e le mie pupille vedono. Sono cieca perché non vedo ancora che stai per morire. E che sì, le cure in America sono un tentativo disperato ma sono ancora la nostra speranza, qualche cosa si può e noi vogliamo tentarla. Sentiamo di dovere fare proprio così.



Sono cieca, ma vedo ancora dietro i tratti di quei giudici seri e compunti nella loro stolida ferocia che sono uguali a me. E a te, se non fossi reso innocente dalla tua malattia e dalla tua età che ti sostiene a mezz’aria, nella purezza del cielo sospeso sopra il fango che schizza sulle scarpe di noi tristi che camminiamo nel mondo aperto.

Galleria fotografica



Sono diventati perversi, sono diventati molto cattivi, crudeli, pazzi insensibili, incapaci di commozione vera, dicono di compatirti invece ti disprezzano. Ma non sono caduti da un altro pianeta. Oh, mio piccolo Charlie come avresti potuto diventare cattivo anche tu se il buon Dio te ne avesse lasciato il tempo e la salute per farlo e ti avesse privato della Sua grazia! (ma io non Glielo avrei permesso, lo sai! Prego continuamente, insisto, tormento Dio per te senza sosta). Oh sì, piccolo Charlie, sono uguali a noi, loro.



E allora vuol dire che anche loro possono, anche loro devono poter vedere, anche loro devono scoprirsi miseri e infermi e padroni di poco o nulla. Possono smetterla se vogliono di credersi Dio o quel che resta in loro dell’idea di Dio. Possono tornare ad avere tratti più morbidi e distesi, possono smetterla di avere urbane sembianze di mostri.



Pensa, Charlie, potrebbero pure all’improvviso accorgersi che sono nobili leoni, fiere eleganti e dedite al branco e potrebbero allora decidere di tornare a difendere i cuccioli, anche quelli di altre leonesse, dalle iene. Dai rapaci. Chi sono i predatori dei cuccioli di leone?



Insomma potrebbero, se volessero, tornare a proteggerci. Invece hanno deciso che non vogliono che tu soffra e allora basta respiratore, basta tentate cure, basta questa vita che non da niente a nessuno e toglie soldi, letti, spazi sui giornali.



Allora vedi, tesoro, che non sanno proprio niente? I tuoi muscoli perdono vigore, il tuo cervello patisce, i tuoi occhi pesano. La tua vita già se ne sta andando da sola a gradi, sta già lei facendo il lavoro sporco di toglierti poco per volta a noi (a meno che, sì.. a meno che! Noi speriamo, proviamo, tanti con noi sperano chiedono pregano, fanno appelli agli uomini e a Dio). Ma noi siamo pazzi e per amore ti vogliamo qua con noi. E tanti altri pazzi hanno dato dei soldi, davvero un sacco di soldi, perché potessimo portarti di là dal mare, oltre l’oceano, per provare a curarti ancora. Fosse anche solo un pretesto per averti accanto ancora, a loro che importa? Charlie, ti prego, fai qualcosa tu. Inventati un colpo di scena perché stanno mentendo. Per loro sei utilissimo, sanno bene come usarti. E lo faranno, se non ti inventi qualcosa e in fretta.



Vogliono che tu sia il primo. Vogliono usarti contro altri bambini inutili e costosi. Sei un investimento importante per loro. Ti prego, bambino mio, abbiamo ancora un po’ di tempo, sai, la burocrazia…Trova tu il modo di deluderli. Io sono stanca. Ora dormo un po’, finché non torna papà. https://it.aleteia.org/2017/06/28/charlie-gard-ci-insegna-che-ogni-vita-e-inutile/



===================



è UN UOMO BESTIALIZZATO ED ANIMALIZZATO, IL PROTOTIPO GIUSTO PER IL PADRONE FARISEO MORGA SPA FED FMI ROTHSCHILD LGBTI AGENDA! Il rischioso “mercato” dei donatori di seme

Lucandrea Massaro/Aleteia Italia    | Giu 28, 2017 Con l'abrogazione della Legge 40 e la diffusione dei social network ci sono nuove sconvolgenti questioni da dover affrontare... La decisione della Consulta di abrogare la Legge 40 sulla procreazione assistita ha gettato l’intero settore – a 3 anni dalla sentenza – in un limbo dove tutto è permesso perché nulla è vietato. In questo Far West sta emergendo una figura spregiudicata e pericolosa come quella del “donatore di seme”, uomini che tramite le maglie larghe dei social, specialmente grazie a Facebook, mettono a disposizione il proprio sperma a donne (single, sposate o lesbiche) che vogliono procreare a tutti i costi.

Nascono così “servizi” (volontari e non), di certo non ai costi proibitivi delle cliniche private ma al contempo, in questo vero e proprio mercato, non si sa nemmeno chi si ha di fronte.

 Si nascondono dietro falsi profili. Contattano direttamente gli interessati. Il messaggio iniziale è sempre lo stesso o quasi. “Sei in cerca di un donatore?”, Poi si passa alla trattativa vera e propria che può durare ore o giorni. Nessuna immagine del profilo è consentita: si sceglie a scatola chiusa. Solo un messaggio dietro l’altro fino a fissare l’incontro, quello che precede il momento dell’inseminazione. Entrare a far parte dell’esercito del seme è facile, facilissimo. Basta iscriversi a uno dei tanti gruppi in cui ci si imbatte su Facebook. In appena un’ora si ha la possibilità di accedere a una vasta gamma di donatori, di ogni provenienza geografica. Dicono di “immolarsi per la causa”, di “seguire una vera e propria missione di vita” e “di voler dare gioia a tutte quelle coppie, donne single o lesbiche che non possono avere un figlio”. Non serve scavare molto per scoprire, però, che la maggior parte dei soggetti dona il proprio seme solo in maniera naturale. In parole povere, accettare una “donazione” passando per questa via equivale a fare sesso con uno sconosciuto (Espresso 27 giugno).

Leggi anche: I rischi dietro alla fecondazione eterologa? Ben nascosti dal fiume di soldi

Il più delle volte quindi il donatore agisce sotto pseudonimo, ci sono casi in cui la “ricevente” non conoscerà mai l’identità reale del “donatore”, i quali nella quasi totalità dei casi non vuole sapere nulla del destino dei figli. Come ad esempio “Donato Re“, uno dei più attivi con base in Emilia Romagna che a Vanity Fair racconta:

 «Sono selettivo. Dono in anonimato: la ricevente non conoscerà mai il mio nome e cognome, io non comparirò sull’atto di nascita del bambino e non sono per la co-genitorialità. Tuttavia, voglio avere la garanzia che il bimbo o la bimba crescano in un ambiente sano, pulito, che ricevano una buona educazione, un’istruzione adeguata. Che vengano accolti in un contesto che li ami. In quel caso dico di sì. Se qualcosa non mi convince, a pelle, e dubito della “maturità” della ricevente, mi tiro indietro» (Agosto 2016).

E sempre tramite Facebook:

 Jens, nome di fantasia, è uno studente universitario di 24 anni e due anni fa ha creato il gruppo Facebook “Donazione di seme: dono di vita”, che mette in contatto donne alla ricerca di una gravidanza e uomini disposti a donare i propri spermatozoi. «Nel 2011 lessi un articolo su una delle banche del seme più grandi al mondo», racconta. «Pensai di farlo anch’io, magari quando sarei andato in Erasmus. Poi ho scoperto che esisteva il fai da te. Allora in Rete c’era solo qualche annuncio, ma era soprattutto gente che cercava soldi e rapporti sessuali». Un anno dopo decide così di aprire la pagina Facebook. «Per fare ordine», dice. Da allora, i bambini nati con il suo seme sono stati nove, mentre due gravidanze sono attualmente in stato avanzato. «L’ultimo mese è stato fortunato e mi sono arrivate le notizie di quattro nuove gravidanze», racconta (Linkiesta, 2014).

Ma oltre ai pericoli per la salute, c’è qualcosa di oscuro in tutto questo: la trasformazione dei figli in cose. Cose da regalare, cose da desiderare. Un fenomeno non solo italiano, ma diffuso, dalla Francia agli Stati Uniti.

 C’è qualcosa di inquietante e anche di primitivo nel desiderio di tramandare la specie spargendo sperma come stalloni. E nella pratica, che finisce per comprendere spesso l’atto sessuale, con il patto di nessuna pretesa successiva, c’è il sogno di parecchi maschi. Per questo l’aspirazione “a fare felici le donne e a dare la vita” può sembrare a volte tutto un immenso alibi maschilista e un delirio di onnipotenza.

 Ma hanno importanza le vere o presunte intenzioni del donatore se il fine ultimo per una donna è avere un figlio? Gli scenari che si aprono in realtà sono di tutt’altra natura. Come si farà a evitare che un fratello e una sorella senza saperlo non si incontrino sessualmente e magari procreino? (Wired, 2014)

Anche per questo la questione di una più stretta regolamentazione è fondamentale, i potenziali rischi per le generazioni a venire oggi possono sembrare allarmismo, domani potrebbero risultare fondati.

https://it.aleteia.org/2017/06/28/donatori-seme-eterologa-facebook/